Hunting Simulator – Recensione

Indietro
Successivo

Caccia in compagnia


Hunting Simulator offre anche la possibilità di essere giocato insieme ad altri tre compagni di caccia. La modalità multiplayer si dimostra sicuramente un punto di forza del gioco, dato che ne aumenta di molto il divertimento. Insieme ai vostri compagni avrete un obiettivo comune, che sarà la caccia ad un determinato animale, e, sfruttando la forza della cooperazione, sarà divertente riuscire nell’impresa. Punto a sfavore è che, dentro questa modalità, prettamente cooperativa, si nasconde una parte competitiva dedicata a chi ottiene un punteggio più alto durante la caccia. Di per sé non ci sarebbe nulla di male, cosa che però ci ha fatto storcere il naso è il fatto che se noi abbattiamo un animale non otterremo automaticamente i punti, ma invece li otterrà il primo che riuscirà a raggiungere il cadavere anche se non ha fatto niente per abbatterlo.

Hunting Simulator è un gioco davvero di nicchia dedicato ai grandi appassionati della caccia

Graficamente il titolo ha più di una pecca. Nonostante gli ambienti siano piuttosto ben realizzati (anche se con delle texture non sempre perfette), i modelli dei personaggi e degli animali, e soprattutto le loro animazioni risultano piuttosto legnose. Anche il frame rate non è sempre il massimo, avendo infatti notato diversi cali in alcune situazioni.
Hunting Simulator è un gioco davvero di nicchia dedicato ai grandi appassionati della caccia, infatti se siete fra questi aggiungete pure un paio di punti al voto finale di questa recensione, dato che l’aspetto simulativo è reso piuttosto bene. Tutti gli altri invece, probabilmente troveranno questo titolo frustrante e noioso proprio per l’azione lenta e riflessiva che avviene durante una battuta di caccia e che vi farà perdere anche delle ore prima di riuscire a catturare qualcosa. Il multiplayer è sicuramente una marcia in più, ma che da solo non giustifica l’acquisto se non siete degli appassionati di quest’antica arte.

Indietro
Successivo