MXGP3 – recensione

Indietro
Successivo

Non c’è due senza tre

Tre anni. Sono passati tre anni dall’uscita del primo capitolo di questa serie dedicata al motocross, sport di nicchia che ogni tanto ci prova a fare capolino anche su console, senza però ottenere mai grande seguito (eppure tutti si ricordano ancora di Excitebike per Nintento 8-bit). Da allora la serie firmata dalla milanesissima Milestone (si fa un gran parlare di Ubisoft Milan per Mario + Rabbids Kingdom Battle, ma non scordiamoci che all’ombra delle guglie e dei pinnacoli del Duomo si trovano anche altre realtà) è migliorata parecchio.
Ma è con il terzo episodio che promette di fare davvero grandi cose, tra cui, soprattutto, abbandonare l’engine proprietario per affidarsi completamente all’Unreal Engine 4, uno dei motori più duttili e convincenti che si siano visti in giro.

Indietro
Successivo