Ubisoft: “Assassin’s Creed doveva evolversi”

Assassin's Creed Origins

Ashraf Ismail, il game director di Assassin’s Creed Origins, è tornato a parlare del titolo in occasione di un’intervista rilasciata a Twinfinite. Questa volta, la discussione ruotava attorno all’evoluzione della serie o, per meglio dire, alla strada che ha intrapreso l’ultimo capitolo di un brand che cominciava a perdere attrattiva.

È ormai evidente come Origins abbia integrato una componente GDR che era stata soltanto abbozzata in passato. L’evoluzione del personaggio verrà sviluppata attraverso il classico albero delle abilità, mentre per l’equipaggiamento dovremo tenere conto degli attributi di armi e armature, elemento che influirà notevolmente sulla dinamica degli scontri.

In merito a una tale svolta, il game director si è così espresso:
Questo non è un tentativo per valutare se [il nuovo sistema] funziona o meno. Abbiamo intrapreso questo cammino e si, andremo verso una filosofia da action RPG. Si è trattato di una progressione naturale per noi. È una cosa che doveva succedere. Dovevamo modernizzare Assassin’s Creed per dare ai nostri fan qualcosa di nuovo e fresco.

[Abbiamo chiesto a noi stessi] ‘come possiamo far provare ai nostri giocatori una nuova esperienza?’ Per quanto mi riguarda l’elemento action-rpg si tratta di un passo naturale per AC, e dovremmo mantenerci su questa linea da qui in avanti“.

Gli appassionati saranno d’accordo con quest’idea? Ma, soprattutto, basterà la componente GDR a risollevare le sorti del brand o addirittura ad attrarre nuovi giocatori? L’uscità di Origins è vicina e presto scopriremo se il titolo avrà anche altro da offrire.

 

FONTE

Commenti

commenti