Lo sviluppatore di Firewatch fa causa a PewDiePie

PewDiePie

Sean Vanaman sviluppatore di Campo Santo che ha creato Firewatch ha dichiarato di voler far causa a Felix ‘PewDiePie‘ Kjellberg per i contenuti dei suoi streaming.

In particolare Vanaman accusa lo streamer più famoso al mondo di fare commenti razzisti durante le sessioni di gioco di Firewatch.

Di recente PewDiePie è finito nell’uragano per diversi epiteti razzisti o estremamente offensivi fatti durante i suoi streaming, come il caso dello scorso febbraio (“Death to all Jews“), o l’utilizzo molto frequente di insulti quali “Gay“, “Retard“, “Autistic” e “Nigger“.

Proprio l’utilizzo reiterato di quest’ultima parola, in frasi non propriamente cortesi, ha fatto scattare Vanaman. Durante una partita a PlayerUnknown’s Battlegrounds PewDiePie si è rivolto agli avversari con frasi come “What a fu**ing ni***r” o “Sorry, but what the f**k. What a fu**ing as**ole.

Lo sviluppatore è intezionato a far cancellare dal web tutti i contenuti creati dallo streamer basati sui titoli di Campo Santo, sia passati che futuri.

Lo streamer ha già rimosso un suo video su Firewatch dal proprio canale YouTube.

Commenti

commenti