Castlevania: Lords of Shadow 2 – Revelations – la recensione

Abbiamo sempre un po’ di remore quando bisogna scaricare un DLC per godersi appieno la trama di un videogioco. Tuttavia, nel caso di un castello narrativo ampio e sfaccettato come quello di Lords of Shadows 2, facciamo tranquillamente un’eccezione. Anche perché il gioco si concludeva con tantissimi punti oscuri, introducendo all’improvviso un personaggio storico della saga, Alucard, figlio di Dracula. Sicuramente la sua comparsa avrà fatto la gioia degli appassionati ma, per evitare che la sua presenza si riveli un semplice fanservice, ecco arrivare in aiuto un DLC interamente dedicato alle avventure del platinato guerriero.
Shot00011

Il DLC permette di assaporare una nuova prospettiva non solo dal punto di vista narrativo, ma anche delle meccaniche di combattimento.

Grazie a Revelations, come suggerisce anche il titolo, sarete in grado di apprendere tutti gli eventi che portano alla comparsa di Alucard in Lords of Shadow 2, in modo da capire più a fondo la sua parte nel grande disegno di Castlevania. Alucard è un personaggio carismatico e affascinante almeno quanto Gabriel, per cui non possiamo che approvare la scelta di dargli uno spazio più ampio sul palcoscenico. Non solo: grazie a questo DLC potrete scoprire anche più a fondo le motivazioni degli altri personaggi principali.
Questa sezione scaricabile, particolarmente densa di contenuti, è decisamente provvidenziale. Il finale di Lords of Shadow 2 era infatti sicuramente d’impatto, ma un colpo di scena demoliva molte certezze che i giocatori si erano costruiti nel corso dell’avventura. Dopo che Alucard era stato mostrato come il grande marionettista, colui che muoveva i fili di tutti gli altri personaggi, le azioni di quest’ultimi rischiavano di apparire inspiegabili. Alcuni di loro, infatti, si rivelavano semplicemente dei burattini nelle mani del figlio di Dracula. C’era quindi bisogno, se vogliamo, di uno “spiegone”, che facesse luce sulla parte di ogni personaggio alla luce del colpo di scena del finale. E che, soprattutto, facesse capire chi è davvero Alucard.
Shot00008_(2)

Il finale di Lords of Shadow 2 era infatti sicuramente d’impatto, ma un colpo di scena demoliva molte certezze che i giocatori si erano costruiti nel corso dell’avventura.

Mercury dà quindi ancora una volta prova di essere abile a tessere un’intricata sceneggiatura, realizzando un DLC che non altera il finale, ma permette di vederlo in una nuova ottica, aiutando a capire perché certe cose sono successe all’interno dell’avventura principale. Il DLC permette di assaporare una nuova prospettiva non solo dal punto di vista narrativo, ma anche delle meccaniche di combattimento. Alucard è infatti un personaggio per alcuni aspetti simile al protagonista del Lords of Shadow 2 originale, ma presenta anche delle sostanziali alterazioni nella lotta. A differenza di Gabriel, Alucard è un personaggio chiaramente adatto a chi vuole vivere una sfida più intensa, e ha già padroneggiato per bene l’avventura principale. Non avrete infatti a disposizione la vasta gamma di abilità prerogative del granitico Belmont, ma troverete piuttosto due spade, che vanno a rimpiazzare la coppia rappresentata dalla Spada del Vuoto e dagli Artigli del Caos.
Shot00006

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Invece di risolvere puzzle ambientali, potrete superare certi ostacoli semplicemente usando l’abilità Timeless Vision, che permetterà a certi oggetti di tornare indietro nel tempo spianandovi la via.

Vi abituerete ben presto alla delle spade dell’albino protagonista, anche se richiederanno un po’ più di tempo per destreggiarvi con esse. Ciascuna delle due lame è infatti equilibrata in maniera complementare all’altra, ed entrambe restituiranno una sensazione molto diversa rispetto alla Spada del Vuoto. Il ritmo di gioco sarà quindi scandito dalle abilità peculiari delle due armi: una provocherà danni sui nemici, mentre l’altra vi permetterà di perforare le loro corazze. Le spade aggiungono un nuovo skill tree, in modo da farle salire di livello, oltre a proporre una serie di mosse esclusive per questo DLC.

Revelations fa quello che dovrebbe fare ogni buon DLC: aggiungere una porzione nuova di esperienza, alterando l’impianto della controparte originale, senza sconvolgerlo.

Da apprezzare la scelta di MercurySteam di proporre perlopiù contenuti originali, muovendosi abilmente tra fanservice e rivelazioni sconvolgenti. Certamente, alcuni nemici sono stati riciclati, ma presentano anche delle alterazioni capaci di rendere la sfida più impegnativa. In generale, il gioco sembra essere più difficile rispetto alla controparte originale, più focalizzato sul combattimento che sull’esplorazione. Sempre seguendo questa filosofia di design, sono state eliminate anche le famigerate sezioni stealth, una delle parti peggiori di Lords of Shadow 2, decisamente poco ispirate nelle meccaniche e, cosa ancor più grave in un gioco action, responsabili di spezzare il ritmo, e non di poco. Alucard non sarà costretto a trasformarsi in un topo, fortunatamente. Il diverso set di abilità di questo personaggio permette di procedere nel gioco in maniera più agile rispetto a Gabriel.
Shot00003

Le spade aggiungono un nuovo skill tree, in modo da farle salire di livello, oltre a proporre una serie di mosse esclusive per questo DLC.

Invece di risolvere puzzle ambientali, potrete superare certi ostacoli semplicemente usando l’abilità Timeless Vision, che permetterà a certi oggetti di tornare indietro nel tempo spianandovi la via (per esempio, una piattaforma distrutta potrà in questo modo essere ripristinata). Potrete anche arrampicarvi trasformandovi in una nuvola di pipistrelli, con l’abilità Bat Cloud appunto, o passare attraverso dei cancelli usando la mossa Spectral Wolf. La prosecuzione nel gioco sarà legata alla vostra capacità di usare queste skill in combinazione tra loro.
In definitiva, Revelations fa quello che dovrebbe fare ogni buon DLC: aggiungere una porzione nuova di esperienza, alterando l’impianto della controparte originale, senza sconvolgerlo ma piuttosto preservando le sue parti migliori. Valgono quindi tutte le considerazioni già espresse nei confronti di Lords of Shadow 2, un titolo che si limita a essere un action molto classico, ma con quasi tutte le componenti al loro posto. Il carisma di Alucard e i nuovi elementi narrativi aggiungono un nuovo tassello al lussureggiante mosaico della saga di Lords of Shadow, permettendovi di viverla da un altro, emozionante punto di vista.