Resident Evil 4 Ultimate HD Edition – la recensione!

resident evil 4 ultimate hd edition logo

La storia dei videogame è stata marchiata a fuoco da titoli controversi che, pur capaci da soli di cambiare totalmente il settore, hanno spaccato in due pubblico e critica, scatenando pareri e opinioni talmente opposti ed estremi da essere oggetto di accese discussioni anche a molti anni di distanza. Tipico esempio è proprio Resident Evil 4. Il quarto capitolo della saga horror di Shinji Mikami, pubblicato prima su nel 2005 (si trattava di un’esclusiva bomba, una di quelle destinate a fare il sangue amaro a tutti i non possessori di hardware Nintendo) e in seguito convertito per quasi tutte le piattaforme, coincise sì col punto di rottura con gli stilemi e il tanto compianto passato della saga, ma allo stesso tempo anche con un picco di innovazioni tecniche e di gameplay di cui ancora oggi è il prototipo perfetto (e per le quali ottenne una valanga di premi).

Offre agli utenti PC la versione graficamente più avanzata di quello che da molti viene definito come un capolavoro indiscusso.

Parliamo degli ormai tanto inflazionati Quick Time Event, rielaborati in chiave moderna da Mikami dopo l’esperimento di Shenmue; di una solida componente survival, supportata dalla raffinatissima dei nemici; di un’intuitiva quanto spettacolare visuale in terza persona con telecamera sopra la spalla destra del protagonista, che ha dato il via a tutta una serie di cloni (Gears of War e Dead Space tra i più blasonati, ma anche lo stesso The Evil Within, firmato ancora da Mikami). Insomma, con Resident Evil 4 si segnò una netta linea di confine con il passato, a livello di gameplay come a livello tecnico. E in effetti, pur trascorsi ormai ben dieci anni dalla sua originaria uscita, il gioco continua a reggere bene il confronto con i competitor contemporanei, soprattutto se parliamo delle riedizioni in HD uscite su PlayStation 3 e Xbox 360 circa tre anni fa.resident_evil_4_ultimate_hd_review_2Evidentemente non ancora sazia di mungere le proprie IP, oggi Capcom rincara la dose e decide di “regalare” agli utenti PC una versione, fortunatamente rivisitata e corretta, dell’indegna trasposizione già operata nel 2007, pietra di paragone in negativo per la sua fattura decisamente dozzinale. Fatte le dovute premesse, veniamo al gioco in questione. Per chi dovesse spolverarsi la memoria o ancora non ne sapesse molto, ricordiamo rapidamente la trama di questo capitolo (purtroppo segnata da un’inconsistenza e da una mancanza di credibilità degne dei peggiori film horror di serie B): in breve, il sipario si apre sul protagonista storico della saga, Leon S. Kennedy che, archiviato il caso Umbrella con la distruzione di Raccoon City e promosso agente segreto, nell’autunno del 2004 si ritrova in Spagna per investigare sulla scomparsa della figlia del Presidente degli Stati Uniti, rapita da una misteriosa setta che diffonde il proprio culto grazie a un’infezione capace di tramutare gli adepti in violenti assassini mutanti. Da questo incipit, la missione dell’ammazza si snoderà tra un’ambientazione (più o meno credibile) e l’altra, il tutto condito da continue sparatorie e boss fight contro i nemici più intelligenti, ingegnosi e letali mai incontrati.

Il gioco continua a reggere bene il confronto con i competitor contemporanei, soprattutto se parliamo delle riedizioni in HD uscite su PlayStation 3 e Xbox 360 circa tre anni fa.

Detto ciò, lasciamo il dovuto spazio a quello che è senza dubbio il punto forte del prodotto, la totale rimasterizzazione in alta definizione del comparto visivo originale. Oltre a un restyling grafico delle texture (visibile già solo grazie agli screen comparativi diffusi da Capcom nei mesi scorsi), che svecchia notevolmente personaggi e location protagonisti dell’ spagnola dell’ex rookie cop di Raccoon City, a fare la differenza sono senza dubbio i 60 frame al secondo costanti, che garantiscono a questa Ultimate HD Edition una fluidità senza pari, anche nelle fasi più concitate di gioco.resident_evil_4_ultimate_hd_review_3

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

A fare la differenza sono senza dubbio i 60 frame al secondo costanti, che garantiscono a questa Ultimate HD Edition una fluidità senza pari

Un rilevante lifting grafico, quindi, che si traduce nella migliore versione possibile di Resident Evil 4, e che è impossibile non apprezzare, soprattutto nel corso degli spettacolari eventi scriptati interattivi, tra esplosioni e combattimenti mortali decisamente esaltanti. Il nuovo comparto tecnico/grafico del gioco va inoltre ad aggiungersi a tutta quella serie di aggiornamenti significativi introdotti nelle versioni successive a quella per GameCube, che incidono sia sulla longevità del gioco che sul divertimento garantito al giocatore. Tre sono le ramificazioni secondarie rispetto alla modalità di gioco principale del titolo: la missione Separate Ways (precedentemente appannaggio della sola versione PlayStation 2 del gioco), il mini-gioco Assignment Ada e la sempre gratificante modalità Mercenaries. Nel dettaglio, in Separate Ways ci si può cimentare in uno spaccato alternativo di gioco in cui si vestono i panni di Ada Wong per seguire le vicende da un punto di vista diverso, anche se con una durata nettamente inferiore rispetto all’ di Leon. Quanto ad Assignment Ada e Mercenaries, invece, si tratta rispettivamente di una breve con la spia orientale ancora protagonista, e di un mini-gioco dalla spiccata componente action che prevede una lunga serie di combattimenti di massa all’interno di enormi arene. Soddisfacenti aggiunte che offrono una maggiore longevità al gioco.
resident_evil_4_ultimate_hd_review_4
In conclusione, se da un lato possiamo ritenerci soddisfatti dello sforzo di Capcom che offre (finalmente) agli utenti PC la versione graficamente più avanzata di quello che da molti viene definito come un capolavoro indiscusso, dall’altra non possiamo che tornare a domandarci quando la saga di Resident Evil prenderà la nuova, attesa piega che riporterà in auge il brand. Pur consigliando senza riserve Resident Evil 4 Ultimate HD Edition a tutti coloro non avessero avuto ancora modo di giocare una delle innumerevoli versioni del titolo, visto anche l’abbordabilissimo prezzo di 19,99 euro su piattaforma Steam, a noi non resta che sperare che Capcom, tra un porting di contorno e l’altro, si stia impegnando anche per far tornare grande una delle saghe più innovative, spaventose e amate della storia dei videogame.