Xbox: vendite hardware cresciute del 92% e la divisione gaming del 32,8%

microsoft-xbox-introiti-anno-fiscale-2021

chiude il proprio anno fiscale con risultati alquanto positivi, infatti Microsoft ha rivelato che la propria divisione gaming ha fatturato 15,37 miliardi di dollari, nell’arco di tempo che va dal 1 luglio 2020 al 30 giugno 2021, riscontrando una crescita del +32,8%, dove i servizi dominano in modo particolare.

Anche la divisione hardware è cresciuta notevolmente, del +92% grazie alle nuove console casalinghe di Microsoft, Xbox Series X e Series S.

Questi dati sono stati riportati su Twitter da Daniel Ahmad, un noto analista del settore videoludico, e ci mostra dai vari grafici, come la divisione che si occupa di software e abbonamenti ha registrato un aumento di 2,3 miliardi di dollari durante l’anno fiscale 2021, che l’ha reso la migliore annata di sempre per Microsoft.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Questi enormi guadagni, sono ovviamente da riscontrare anche nell’elevato numero di software e servizi venduti durante la pandemia di Covid-19, e questa divisione ha generato 12.17 miliardi di dollari, contro i 3,53 miliardi di dollari generati dall’hardware.

L’ultimo trimestre è stato il migliore di sempre, e in questo caso a fare da protagonista è l’hardware che è salito del 172% compensando un calo della vendita dei servizi del 4%. Approssimativamente sono state distribuite circa 6,5 milioni di unità di Series X e S, contro i 5 milioni di 360 e i 5,7 milioni di Xbox One venduti nello stesso periodo.

sta puntando molto sui proprio servizi online, come il Game Pass che è in continua evoluzione e arricchimento di tante novità, come i giochi prodotti dagli studi interni che sono disponibili, senza costi aggiuntivi, dal day one.

Non possiamo che restare a guardare come continuerà a sviluppare i propri servizi, per tutti i dispositivi compatibili, che al momento stanno tracciando una strada molto proficua per il colosso di Redmond.

E voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere, come sempre, nei commenti.

Fonte: Twitter