Call of the Sea: ecco il video confronto tra le versioni PlayStation 5 e Xbox Series X

Call of the Sea Xbox Series X

Call of the Sea è un gioco molto particolare. Gli sviluppatori di Out of the Blue Games, infatti, si sono ispirati ai racconti e alla letteratura di H.P. Lovecraft. Il titolo è ambientato in un’isola del Pacifico del Sud, nell’anno 1930. Gli utenti si ritroveranno a vestire i panni di Norah, una donna che ha attraversato l’oceano alla disperata ricerca del marito e della spedizione da cui non è mai tornato. Il team ha definito il gioco come “una storia di mistero, avventura e scoperta di sé“.

Banner Telegram Gametimers 2

Il di Call of the Sea prevede la risoluzione di puzzle ed enigmi per proseguire nell’avventura. Una scelta, questa, che ha escluso del tutto un combat system, in favore ’esplorazione e della scoperta. Gli sviluppatori hanno voluto focalizzarsi sull’aspetto onirico e surreale delle vicende, a differenza di Lovecraft. Il titolo era stato pubblicato l’anno scorso come esclusiva temporale su Xbox , Xbox Series X/S e PCInoltre, è incluso anche nel Game Pass.

Il gioco è arrivato qualche giorno fa anche su PlayStation 5 e PlayStation 4. Su YouTube, l’utente “ElAnalistaDeBits” ha pubblicato un video in cui ci mostra le differenze tra la versioni 5 e Xbox Series X e S. Un confronto che vede la versione per la console di casa avere la meglio, con un framerate più stabile rispetto alle concorrenti. Anche i tempi di caricamento, su PlayStation 5, sono migliori rispetto a Xbox Series X e soprattutto S, così come anche la risoluzione e le ombre.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

Su Twitter, il team di Out of the Blue Games aveva fatto sapere di essere a conoscenza dei problemi che affliggevano le versioni delle console Microsoft, e che erano al lavoro su una patch mirata a ottimizzare il Call of the Sea.

Il team di sviluppo sta dunque lavorando duramente per far sì che non ci siano grosse differenze nelle varie versioni del gioco. Potete trovare il confronto tra le versioni subito qui sotto. Buona visione!

Fonte: PSU