Capcom Arcade Stadium – Recensione (PS5): Una sala giochi in casa

Capcom Arcade Stadium è l’ennesima raccolta di grandi capolavori dal passato remoto della casa di Osaka. D’altronde, quando si ha una storia pluridecennale e invidiabile come la loro è giusto celebrarla e riproporla su ogni sistema e in ogni generazione, anche a costo di sembrare ridondanti.

E in effetti qualche “doppione” c’è in questa collection, basti pensare che è possibile ritrovare pure qui ben cinque dei sette giochi che hanno composto il Capcom Beat’em Up Bundle del 2018 (QUI la nostra recensione): l’immancabile Final Fight, Captain Commando, Warriors of Fate, Armored Warriors e Battle Circuit. E anche II: World Warrior, Street Fighter II: Hyper Fighting e Super Street Fighter II Turbo avevamo già avuto modo di riscoprirli nella Street Fighter 30th Anniversary Collection, uscita anch’essa nel 2018.

La restante parte dei titoli che compongono la collection però mancava dalle scene già da diversi anni, e la natura del progetto, unita alla che (si spera) da qui in avanti caratterizzerà l’avvicendarsi delle generazioni, potrebbe averci finalmente portato a quella piattaforma definitiva che pensavamo di aver trovato con Capcom Arcade Cabinet (uscito nel 2013 su PS3 e Xbox 360).

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

Capcom Arcade Stadium infatti ci si presenta come una sorta di raccoglitore al quale aggiungere di volta in volta nuovi titoli. Il gioco base è gratuito per tutti, e comprende il classico a scorrimento 1943: Battle for Midway. Gli utenti Plus inoltre potranno scaricare per tutto il mese di giugno, senza costi aggiuntivi, l’immortale Ghosts ‘n Goblins (altrimenti venduto al prezzo di un cappuccino: 1,49€).

Il resto dei titoli è invece venduto in tre pacchetti da dieci giochi l’uno, divisi per periodo di uscita. L’arco temporale va dal 1984 di Vulgus, Pirate Ship Higemaru e 1942 (il capostipite della serie) al più recente e meno conosciuto Progear, datato 2001 e sviluppato da CAVE (i maestri dello sparatutto bullet-hell insieme a Treasure).

Nel mezzo, una selezione abbastanza eterogenea di nomi leggendari: Commando, Trojan (qui nella sola versione giapponese, chiamata Tatakai no Banka, perché nel resto del mondo non venne distribuito da Capcom), Bionic Commando, Ghouls ‘n Ghosts, Strider. Nessuno di loro ha bisogno di presentazioni.

In totale sono attualmente disponibili 32 giochi (trovate la lista completa divisa per pacchetti in calce alla recensione), e non vediamo l’ora che ne vengano aggiunti molti altri. Purtroppo però sappiamo già che non ci sarà niente da fare per i giochi usciti sotto licenza, come The Punisher, Alien vs. Predator, Cadillacs and Dinosaurs o i due beat’em up a scorrimento di Dungeons & Dragons (Tower of Doom e Shadow Over Mystara).

L’emulazione dei giochi è priva di difetti, e sono disponibili tutti quei filtri e quegli accorgimenti a cui ci hanno abituato le collection uscite negli ultimi anni. Lato gameplay potremo scegliere livelli di difficoltà, velocità di gioco, numero delle vite; e non mancano neppure i consueti salvataggi liberi, il rewind e i continue infiniti (basta “inserire la monetina” premendo un semplice tasto). Lato visivo invece troviamo sfondi, filtri (scanline, rgb) e la possibilità di ruotare l’immagine (più utile su Switch che su console fisse, a dirla tutta).

Giocando (e a seconda di quanto lo faremo bene) otterremo dei punti chiamati CASPO, coi quali scalare i ranghi delle classifiche e personalizzare l’hub centrale, ricreato a immagine e somiglianza di una sala giochi anni ’90 (giapponese a quanto pare, visto quanto è pulita e ben tenuta).

Gli stessi punti CASPO potranno essere ottenuti anche cimentandosi nelle sfide che Capcom metterà a disposizione settimanalmente, con tanto di classifiche ufficiali. Occhio però, perché non saranno affatto facili: in molte di queste dovremo dire addio a tutte le facilitazioni (salvataggi, continue, rewind), e anzi potremmo trovare delle condizioni parecchio sfavorevoli, tipo giocare con lo schermo ribaltato o con la velocità aumentata.

Completano il pacchetto degli utili ed esaustivi manuali in game per imparare le basi di ogni singolo gioco, mentre mancano del tutto materiali extra come bozzetti, interviste o materiale d’epoca. Peccato.

Concludendo, Capcom Arcade Stadium è una collection che fa bene quello che deve fare e dal prezzo in linea con gli altri prodotti simili sul mercato. Ci sono dei doppioni un po’ troppo recenti e mancano ancora all’appello dei pezzi da novanta, ma ci auguriamo che sia la volta buona e che questa diventi davvero la piattaforma definitiva da cui giocare negli anni a venire gli innumerevoli capolavori “d’epoca” sfornati dalla software house giapponese.

Qui la lista completa dei giochi, divisa per pacchetti:

Dawn of the Arcade (1984-1988)

Vulgus
Pirate Ship Higemaru
1942
Commando
Section Z
Tatakai no Banka (Trojan)
Legendary Wings
Bionic Commando
Forgotten Worlds
Ghouls ‘n Ghosts

Arcade Revolution (1989-1992)

Strider
Dynasty Wars
Final Fight
1941: Counter Attack
Senjo no Okami II (Mercs)
Mega Twins
Carrier Air Wing
Street Fighter II: The World Warrior
Captain Commando
Varth: Operation Thunderstorm

Arcade Evolution (1992-2001)

Warriors of Fate
Street Fighter II: Hyper Fighting
Super Street Fighter II Turbo
Powered Gear: Strategic Variant Armor Equipment (Armored Warriors)
Cyberbots: Fullmetal Madness
19XX: The War Against Destiny
Battle Circuit
Giga Wing
1944: The Loop Master
Progear

RASSEGNA PANORAMICA
Voto
7.5