TSMC: aumentano i prezzi di chip e semiconduttori fino al 20%!

TSMC Sony Microsoft Apple
TSMC Sony Microsoft Apple

Ormai sappiamo tutti che la TSMC, compagnia leader mondiale nella produzione di semiconduttori, è al centro della carenza di PlayStation 5, Xbox Series X e tanti altri prodotti di elettronica. Questo perché la sua produzione non riesce a soddisfare la domanda, enormemente crresciuta anche a causa della pandemia di Covid-19.

Ma le brutte notizie non sembrano finire qui. Un rapporto del Journal ha affermato che TSMC ha intenzione di aumentare del 10% i prezzi dei chip più avanzati (come quelli delle console, schede video e smartphone), e del 20% di quelli meno avanzati (TV, auto, elettrodomestici, memorie, ecc.)

Non c’è bisogno di sottolineare che la scorta di semiconduttori è un importante fattore per tutte le aziende che si occupano di tecnologia. A causa della carenza infatti, è gravemente limitata la produzione non solo di prodotti legati al mondo dei videogiochi, ma anche di smartphone e computer. Inoltre, il prezzo di vendita dei chip determina anche il prezzo di vendita al pubblico di questi dispositivi tecnologici, e un aumento del 10/20% del prezzo avrebbe un impatto su tutti i prodotti tecnologici.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

Il rapporto del Journal non specifica se compagnie come la Apple siano state influenzate dall’aumento del costo dei chip, e se in caso decideranno di far pesare l’aumento sui consumatori. Inoltre, è possibile che l’aumento dei prezzi dei chip blocchi alcuni acquirenti minori e permetta alle grosse compagnie di aumentare la produzione dei propri device. Nel proprio resoconto finanziario, TSMC ha indicato come la carenza di semiconduttori potrebbe continuare per tutto il 2022.

Per questi motivi, sembra che i tempi i cui potremo avere un’ampia produzione di console di nuova generazione siano ancora lontani. Questo fattore ha impattato in una serie di modi nel mondo dei videogiochi. Ad esempio, è molto probabile che la Microsoft e la Sony continuino a pubblicare giochi per la vecchia generazione (esclusive a parte) anche nei prossimi anni. Non ci resta che aspettare e vedere come si risolverà questa situazione.

Fonte: Theverge