TSMC: CPU, GPU e altri componenti elettronici potrebbero aumentare di prezzo, secondo alcuni rumor

Intel CPU

La carenza di semiconduttori sta affliggendo sia il mercato console che il mercato PC, con CPU e soprattutto GPU che sono ormai diventate merce rara. Le brutte notizie potrebbero però non finire qui. Secondo alcuni rumor, infatti, i chip prodotti dal TSMC (Taiwan Semiconductor Manufacturing Company) potrebbero subire un incremento di prezzo entro la fine del 2021.

Banner Telegram Gametimers 2

Secondo questi rumor, potremmo vedere un incremento dei costi per ogni singolo wafer di silicio pari al 25%. Un disco da 12 pollici potrebbe dunque raggiungere cifre mai viste prima d’ora per l’azienda, nonostante già ora il costo di ogni singolo wafer è di 1.634$.

Ricordiamo che TSMC è l’azienda leader per quel che riguarda la produzione di semiconduttori, essendo fornitrice di numerosissimi marchi. Tra essi, a spiccare sono senza dubbio AMD, NVIDIA, Intel, e Qualcomm. Va da se, dunque, che questo potrebbe influenzare indirettamente anche i costi dei dispositivi attuali e futuri e che riguarderà non solamente le console e i PC, ma un po’ tutti i settori dell’elettronica.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

L’azienda è inoltre in un periodo non propriamente roseo. Sta infatti fronteggiando la crisi idrica attualmente in corso in Taiwan, ed è stato riportato come ci siano casi di impiegati che sono costretti a ore di lavoro aggiuntive. O almeno, ciò è quanto viene riportato dai media Taiwanesi.

TSMC sta dunque raggiungendo il limite, e anche per questo costruiranno una nuova fabbrica negli Stati Uniti entro la fine dell’anno. L’azienda ha inoltre investito 20 milioni di dollari per la creazione di un impianto che permetterà la produzione di wafer con processo produttivo a 3 nanometri, i quali saranno prodotti in massa nella seconda metà del 2022.

Nel frattempo, anche il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden è interessato alla scarsità di semiconduttori sul mercato. Proprio per questo, Biden sarebbe disposto a stanziare ben 50 miliardi di dollari nel tentativo di risolvere questa problematica che affligge sia le console next-gen che le componenti per PC quali CPU e GPU.

Fonte: TweakTown