Xbox Series X e Xbox One: ridotti i DRM, conferma Microsoft. I giochi potranno essere avviati offline

xbox niente aumento prezzo

Microsoft ha deciso di allentare la presa per quel che concerne i DRM con il nuovo aggiornamento per le console Xbox. Questa misura, necessaria per la validazione dei giochi, è stata ridotta drasticamente sia per i giochi Xbox One che per i giochi Xbox Series X. Questo cambio di rotta da parte di Microsoft, inizialmente scovata da uno youtuber, consente ai giocatori di poter avviare i propri titoli fisici, anche offline.

Ciò significa, in soldoni, che Xbox Series X e Xbox One non faranno più controlli per validare l’avvio dei giochi sulla console, o almeno la maggior parte di essi. Per alcuni titoli chiaramente questo non è stato possibile, in particolare quelli con una forte componente multigiocatore oppure quelli che hanno avuto patch importanti pubblicate dopo il lancio. Un esempio su tutti potrebbe essere Cyberpunk 2077.

Anche Eden Marie, Software Engineer di Xbox, ha confermato l’aggiornamento su Twitter in risposta a un post di Idle Sloth. “Sì, è stato introdotto con l’update 2208. Abbiamo esaminato i dati sin dal lancio di Xbox Series X e Series S e abbiamo determinato che il controllo di compatibilità non è necessario per la maggior parte dei giochi su disco per Xbox One. Alcuni giochi potrebbero necessitare di un aggiornamento online dopo l’installazione, al fine di assicurarsi la miglior esperienza possibile”, scrive Marie.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Altre novità provenienti dal mondo Microsoft. Phil Spencer è reduce dalla sua visita in Giappone. Il numero uno di Microsoft Gaming ha passato una giornata in compagnia di Hideo Kojima. Si rinsaldano i legami tra il creatore di Metal Gear Solid e e il mondo Xbox. Per la compagnia di Redmond, Kojima sta realizzando qualcosa in arrivo su xCloud. Sempre dal TGS, Spencer ha concesso una serie di interviste – insieme a Sarah Bond, Vice Presidente – con le quali è stato ribadito l’impegno nella produzione di un maggior numero di titoli che abbiano appeal per il pubblico nipponico. Poco prima dell’evento, Spencer ha ribadito che Xbox Series X e Series S avrebbero mantenuto il loro prezzo attuale.

Fonte: Twitter