Bloodborne: Bluepoint Games sarebbe al lavoro sul remake per PlayStation 5, secondo un noto insider

Bloodborne Hunters Edition FromSoftware PlayStation 5 PS5 PC

Bluepoint Games è stata l’ultima acquisizione fatta da Sony Interactive Entertainment allo scopo di sviluppare nuovi giochi per 5. Il di sviluppo secondo un insider dovrebbe essere al lavoro sul remake di Bloodborne per 5.

A svelarlo è stato Colin Moriarty, noto insider, sviluppatore di videogiochi e autore di ben tre podcast dedicati a PlayStation, e retrogaming. In un suo post su Twitter di poco fa, ha svelato che Bluepoint Games sarebbe al lavoro per tornare a Yharnam celebre scenario di Bloodborne.

Come sappiamo lo studio da poco acquisito è ben noto per i suoi remake. Negli ultimi cinque anni si sono occupati di Uncharted The Nathan Drake Collection, Gravity Rush Remastered e Shadow of the Colossus per 4. E nel 2020 è stata la volta del grande salto di qualità con l’apprezzatissimo remake di Demon’s uno dei migliori giochi attualmente disponibili su 5.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Non vi è dubbio che Sony Interactive Entertainment abbia acquisito lo studio texano per continuare a lavorare sui remake dei titoli più amati dai giocatori PlayStation. Tra i tanti progetti ci sarebbe anche un titolo del tutto nuovo, ma che come sappiamo richiede davvero molto tempo per lo sviluppo.

Quel che invece potrebbe essere un progetto realizzabile in tempi più brevi è proprio un remake. E sembra che il candidato ideale sia proprio Bloodborne. Bluepoint Games è già esperto nel maneggiare il lavoro precedentemente fatto da FromSoftware.

E l’affermazione fatta da coinciderebbe con quelle di altri insider che da tempo parlano di questo progetto, e di cui si è tornato a parlare proprio nei giorni scorsi.

Per ora però restano solamente dei rumor, in attesa di un annuncio ufficiale da parte di Sony o dello sviluppatore stesso. Non ci resta quindi che attendere il dipanarsi della nebbia e scoprire quali siano i progetti del team!

Fonte: Colin Moriarty