Elden Ring: niente modalità facile. ‘Rassegnatevi’ dice FromSoftware

Elden Ring FromSoftware Recensione PlayStation 5 15

È il momento di lasciare ogni residua speranza che possa avere, anche in futuro, un selettore della difficoltà. Come da tradizione, FromSoftware ha deciso che o lo si gioca così o non lo si gioca affatto. Come già accaduto per tutta la saga dei Souls, per Bloodborne e per Sekiro: Shadows Die Twice, anche sarà uguale per tutti, sempre e comunque.

La natura open-world potrà certo aiutare a farmare il proprio personaggio prima di affrontare un qualche difficile boss. Non c’è dubbio che questo aiuti un po’. Ma poi, a conti fatti, quello che si richiede al giocatore è una buona coordinazione occhio-mano per portare a termine le sfide che vengono proposte.

In una intervista al giornale The New Yorker, ha espresso il suo punto di vista. “Noi cerchiamo sempre di migliorarci. Nei nostri giochi però è la difficoltà a dare senso a tutta l’esperienza di gioco. Solo così si può far provare al videogiocatore quella gioia e quell’euforia senza pari una volta superata una sezione di gioco” ha detto Miyazaki.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Nella stessa intervista, il game-director ha parlato del suo rapporto di lavoro con George R. R. Martin. Il romanziere stato coinvolto nel processo di worldbuilding. All’autore de Le cronache del ghiaccio e del fuoco dobbiamo la storia e la mitologia del mondo di gioco. Il resto è tutta opera di FromSoftware. Sempre Miyazaki si è anche detto dispiaciuto per la frustrazione provata dagli utenti ma ha ribadito, ancora, che la difficoltà è una scelta di game-design.

Non sono stati dello stesso avviso i membri di SloClap. Gli autori di SIFU hanno promesso un aggiornamento che introdurrà un selettore per la difficoltà in modo da permettere a più videogiocatori di giungere ai titoli di coda.

Cosa ne pensate? Convinti dalle spiegazioni di Miyazaki?

Fonte: The New Yorker