Marvel’s Spider-Man: Ray-Tracing in azione su PlayStation 5, l’analisi di Digital Foundry

Marvel's Spider-Man Remastered
Banner Telegram Gametimers 2

Sappiamo che ’s Spider-Man farà il suo ritorno nella line-up di lancio di , con una edizione rimasterizzata del gioco del 2017. Rappresenterà, anche, uno dei titoli maggiormente apprezzati su PlayStation 4. Ma come sarà il gioco di Insomniac Games su next-gen? Graficamente pare un colpo d’occhio ma qualcuno è voluto andare più a fondo.

Stiamo parlando di Digital Foundry. I redattori del sito hanno realizzato un video analisi delle nuove feature implementate nella versione PS5. La prima precisazione è poco incoraggiante. Bisognerà fare delle scelte: risoluzione o fluidità. Se si vuole avere il Ray-Tracing lo si potrà fare solo nella modalità , nulla da fare in modalità performance 60fps. Delle due l’una.

Dal video analisi emerge inoltre che il ray-tracing non sia in grado di gestire i riflessi di tutto l’ambiente circostante. Diverse superfici riflettenti di Marvel Spider-Man lasciano intendere che non tutto ciò che dovrebbe apparire nel riflesso verrà effettivamente visualizzato. Limiti tecnici comprensibili ma che potrebbero fare storcere il naso a chi va cercando la perfezione tecnica sotto tutti i punti di vista.

Buone notizie? Sì, più o meno. Di recente sono nate polemiche attorno alla software house. La versione Remastered del gioco è stata al centro di un dibattito sul web a causa del cambio del volto di Peter Parker. La cosa ha passato il segno quando il Creative Director del titolo è stato minacciato di morte.

Cosa ne pensate? Prenderete la versione PlayStation 4 prima di passare a PlayStation 5 o vi butterete subito nell’avventura next-gen?

Fonte: Digital Foundry