Monster Hunter Rise: Sunbreak Anteprima (Nintendo Switch)

Monster Hunter Rise Sunbreak DLC Recensione Nintendo Switch 1

L’attesa scoppietta sempre più, e mentre aspettiamo l’ del mese prossimo, siamo già riusciti a dare uno sguardo in anteprima all’espansione di Monster Hunter Rise: Sunbreak.

La sequenza di gameplay che abbiamo potuto visionare ha inizio nel nuovo avamposto di Elgado, una base marittima di osservazione sulle rovine di un forte, creata per investigare sulle anomalie derivate dal nuovo drago antico: il Malzeno.

Una delle novità consiste nella possibilità di cambiare l’abilità speciale della propria arma in uso quando più ci aggrada, in due set di tre abilità di cinque tipologie ciascuno. Questo consente un’ulteriore libertà di approccio in fase di combattimento. Nella sezione della gestione delle Switch Skill, possiamo vedere come possono essere scelte e organizzate le diverse abilità, impostandole nei gruppi che più si adattano al nostro stile di combattimento.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

In questa sezione possiamo registrare cinque abilità per ciascun “Rotolo Inversione”: Rotolo inversione rosso e Rotolo inversione blu. Il rotolo predefinito è quello rosso. Si possono creare combo di attacchi fil di seta e sfruttarne le sinergie, ed è consentito cambiare set durante il combattimento per rendere il gioco più libero e creativo. Per giunta, è stata introdotta la possibilità di schivare l’attacco di un Wyvern e allo stesso tempo cambiare set di mosse.

Questa strategia è definita “Scambia-schivata” e permette di cambiare velocemente posizione sul campo e allo stesso tempo invertire il set. Ciò significa più libertà di movimento sul campo di battaglia, con la possibilità di passare da un set di mosse all’altro continuando ad evadere i colpi nemici. Inoltre ora si potrà correre sulle pareti senza usare il filoscatto e sarà possibile continuare ad attaccare un mostro da terra anche se è cavalcabile.

Monster Hunter Rise Sunbreak DLC Recensione Nintendo Switch 6

Si può passare dai comandi originali a nuove opzioni. La prima caccia mostrata nel video introduttivo è contro il Lunagaron, una delle new entry in Sunbreak.

La caccia ha luogo ne “La Cittadella”, una nuova zona di caccia con una grande vastità di aree, tra cui foreste lussureggianti e montagne ghiacciate. Lungo il cammino, in direzione del mostro, possiamo osservare la presenza di due nuovi tipi di insetto: l’insetto filo dorato, il quale incrementa il numero massimo di drop ottenuti dagli attacchi del wyvern cavalcato, e l’insetto filo rubino, che aumenta il danno inflitto dalla mossa punitiva del wyvern cavalcato. Entrambi aumentano la probabilità di rendere il mostro colpito cavalcabile, oltre a migliorare anche la capacità di recupero della barra di ricarica dell’insetto filo.

Per quanto riguarda la fauna endemica, è stato aggiunto il ragno marionetta, che ci permetterà di “controllare” i mostri con un filo e scagliarli contro le pareti rocciose. Questa regola vale anche per i mostri volanti, tuttavia può essere usato solo una volta. In più possiamo osservare come il protagonista abbia indosso l’armatura del Garangolm, ennesimo wyvern introdotto con l’espansione, dalla forma scimmiesca e dalla pelle di pietra.

Monster Hunter Rise Sunbreak DLC Recensione Nintendo Switch 5

Il Lunagaron affrontato in questa prima battaglia è un wyvern abbastanza simile al Tobi-Kadachi ma più vicino a un lupo, con artigli di ghiaccio e color lapislazzuli. Le sue combo di attacco sembrano per lo più basarsi su sciabolate di artigli a raffica e su salti che gli permettono di raggiungere la preda in un sol balzo.

Mentre la battaglia continua, è qui che viene mostrata la nuova meccanica che consiste nel combattere il mostro in stato cavalcabile. Si ha la possibilità, ora, di colpire il mostro senza salirci in groppa obbligatoriamente e possiamo scegliere se continuare ad attaccarlo o cavalcarlo per combattere un altro wyvern che invade il territorio.

Monster Hunter Rise Sunbreak DLC Recensione Nintendo Switch 2

L’area di combattimento viene invasa improvvisamente da un Garangolm. Dopo aver recuperato un insetto rubino, possiamo notare come il mostro ora sia in grado di sferrare colpi che infliggono molti più danni rispetto al normale, così come aumenterà, di conseguenza, il danno dell’attacco punitivo al suo colpo finale.

E mentre la battaglia impazza e il Lunagaron cade in modalità furia, osserviamo il manifestarsi di un meraviglioso color scarlatto nella pelle delle zampe anteriori e in quegli occhi che trasudano rancore nei nostri confronti. Dopo un lungo scontro contro i quattro cacciatori, arriva inevitabile la sua disfatta. Le sue membra faranno parte ora del nostro equipaggiamento per la caccia successiva; una caccia molto particolare, dato che saremo accompagnati da un seguace.

Monster Hunter Rise Sunbreak DLC Recensione Nintendo Switch 4

Come avete già capito, questa opzione è una novità di Sunbreak ed è entrata a far parte del gioco proprio tramite l’espansione. Ora sarà possibile partite per una missione in compagnia di un personaggio dell’avamposto. L’aiutante di turno ci aiuterà piazzando trappole, curandoci e così via. Potranno essere sbloccati numerosi personaggi, tra cui Fiorayne, Luchika, Jae, Galleus e Arlow, mentre a Kamura potremo venire affiancati da Hinoa e Minoto.

Durante la preparazione per la battaglia, possiamo ordinare il classico cibo per potenziamento temporaneo, con tanto di video rinnovato della preparazione. I Felyne finiscono quasi per dare fuoco alla cucina, ma alla fine riescono a consegnarci la nostra porzione ben impacchettata.

Monster Hunter Rise Sunbreak DLC Recensione Nintendo Switch 3

Il nuovo wyvern da affrontare è il temibile Seregios, dalle scaglie affilate come rasoi. Essere trafitti significa incappare in un fastidiosissimo status sanguinamento, costringendoci a controllare con più cura la nostra barra della vita. Attaccare o schivare si tradurrà in danni anche per il nostro cacciatore, quindi bisognerà dosare bene le azioni. Anche rimuovendo questo status alterato, il tempo di recupero della stamina finirà per essere rallentato.

Il modo principale per rimuovere lo status di sanguinamento è quello di consumare una bistecca ben cotta, un immunizzatore, oppure rinfoderare l’arma e accovacciarsi per rimettersi in forze. Durante le battaglie con i seguaci, fortunatamente, la sconfitta di quest’ultimo non verrà contata ai fini del fallimento della quest.

Monster Hunter Rise Sunbreak DLC Recensione Nintendo Switch 1

Dopo una estenuante battaglia, si può cantar vittoria e finalmente raccogliere i frutti del duro lavoro, depredando il corpo del caro Seregios. Alla fine dell’anteprima, ci è stato fatto notare come anche le aree già conosciute nel Monster Hunter Rise originale subiranno dei cambiamenti, tanto all’ecosistema quanto al livello di difficoltà.

Ci aspetta quindi un’esperienza totalmente nuova anche dove più pensavamo di essere diventati bravi. Persino i cacciatori più navigati dovranno tornare alla lavagna, in occasione di questo corposo DLC.

Vi ricordiamo come Sunbreak arriverà il prossimo 30 giugno, e che questo primo sguardo ci ha già convinto che la serie di successi di Monster Hunter è destinata a proseguire senza sosta anche tramite questo DLC. Possiamo già sbilanciarci: Sunbreak è il nuovo importante passo in una saga che negli ultimi anni è andata il contro a un’evoluzione già incredibile. Tutti pronti, insomma, a una nuova caccia.

RASSEGNA PANORAMICA
monster-hunter-rise-sunbreak-anteprima-nintendo-switch L'attesa scoppietta sempre più, e mentre aspettiamo l'uscita del mese prossimo, siamo già riusciti a dare uno sguardo in anteprima all'espansione di Monster Hunter Rise: Sunbreak. La sequenza di gameplay che abbiamo potuto visionare ha inizio nel nuovo avamposto di Elgado, una base marittima...