Prince of Persia Remake si allontana ancora. Niente E3 2021, uscita prevista ora per il 2022

Come si spesso, non c’è due senza tre, e questo è il caso del Remake di Prince of Persia: Le Sabbie del Tempo. Inizialmente atteso per il 21 gennaio 2021, il gioco era stato rimandato al 18 marzo dello stesso anno, salvo poi qualche mese venire rimandato a tempo indeterminato.

Complice anche il fatto che la qualità del comparto grafico non era all’altezza delle aspettative dei fan, il team di Ubisoft aveva preso la decisione di rimettersi a lavorare sul titolo per confezionare un prodotto degno delle sue aspettative. Dopotutto con i vari remake fatti da Capcom per Resident Evil e da Bluepoint Games per alcune esclusive Sony, l’asticella di ciò che ci si aspetta da un remake si è abbastanza alzata.

Ubisoft è tornata a parlare di Prince of Persia in queste ore, lanciando sull’account del gioco la notizia che il titolo salterà l’Ubisoft Forward atteso per questa settimana. Infatti in molti speravano che quest’evento sarebbe stato il perfetto palcoscenico per mostrare i progressi del gioco, con un questa volta più convincente di quelli mostrati lo scorso anno.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

A quanto pare si dovrà attendere il 2022 per il lancio del gioco, che sicuramente è un modo di vedere il bicchiere mezzo pieno, visto che fino ad ora esisteva solo un “tempo indeterminato” e il gioco si sarebbe potuto realmente perdere tra le “sabbie del tempo” che scorre inesorabile.

“Stiamo facendo grandi progressi perché il nostro gioco esca l’anno prossimo, ma non siamo pronti a condividere alcuna informazione aggiuntiva per ora. Condivideremo un update con voi il prima possibile, leggiamo nel comunicato del team di sviluppo.

Non ci resta che armarci di ulteriore pazienza, e sperare che quando rivedremo il gioco in azione sia stato perfezionato in modo da risultare convincenti agli occhi dei fan e della critica.

E voi cosa ne pensate, siete in attesa del remake di Prince of Persia? Fatecelo sapere, come sempre, nei commenti.

Fonte: Twitter