Resident Evil Village: le fasi iniziali erano molto più difficili nelle idee originali. Nemici più numerosi e aggressivi!

Resident Evil Village Lycan

Come avete trovato l’inizio di Resident Evil Village? Facile o difficile? Perché nelle intenzioni originarie di Capcom l’avvio sarebbe dovuto essere decisamente più duro per il giocatore.

Banner Telegram Gametimers 2

A svelarlo è stata la stessa Capcom che ha pubblicato un breve documentario del making of di Resident Evil Village intitolato “The Internal Struggle, che potremmo tradurre con “Il Dilemma Interno“, e ci racconta proprio la realizzazione del nuovo capitolo del survival horror.

Il filmato inizia soffermandosi come lo sviluppo del gioco si sia completamente fermato a causa del Covid-19, svela il Director Morisama Sato. Per un mese intero è stato a casa a preoccuparsi del gioco, e al ritorno in ufficio tutti erano concordi sul fatto che fosse necessario tanto lavoro per sistemarlo.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

Il concept originario del survival horror girava attorno al concetto di “una sfida per la sopravvivenza“, ha svelato Sato. Quanto dovevamo spaventare i giocatori? Quanto dovevano essere aggressivi i nemici? Si è lavorato molto su questo punto. Capcom ha infatti organizzato anche un focus group facendo testare questo aspetto a dei veri e propri giocatori, il risultato è stato che i nemici erano estremamente aggressivi, forse troppo.

I playtester interni hanno riscontrato che i nemici erano troppi ed estremamente aggressivi, mentre le munizioni scarseggiavano. Tutto ciò rendeva il combattimento per nulla interessante, frustrante, e incredibilmente difficile da affrontare, ci spiega il Quality Assurance Manager Shutaro Kobayashi.

I feedback forniti dai playtester hanno mandato nel panico il team di sviluppatori! Ha aggiunto il General Manager Makoto Kadono. Motivo per cui è stato completamente cambiato l’approccio alla parte iniziale del gioco. Il risultato però è stato un nuovo gioco degno dei precedenti capitoli della saga.

Il risultato finale ha ‘preso’ al punto tale i giocatori che negli USA i dipendenti di un Mc Donalds si sono assentati quasi tutti solo per giocarci. Il lancio ha fatto registrare numeri record con 3 milioni di copie vendute solo nei primi tre giorni dal lancio.