Sony rimuove date e periodi d’uscita di molti giochi PlayStation 5. Altri rinvii in arrivo?

Horizon Forbidden West PlayStation 5

Solo qualche giorno fa, vi parlavamo di come l’informatissimo insider avesse anticipato ulteriori rimandi di videogiochi al 2022. Facciamo un esempio materiale: Hogwarts Legacy, prima previsto nei prossimi mesi, è ora atteso per l’anno prossimo. Schreier ha confermato come saranno tanti, tantissimi i giochi che subiranno la stessa sorte, e in un certo senso gli annunci di Sony al CES 2021 riguardo PlayStation 5 sono stati un piccolo barlume di speranza in questo mare di incertezza.

Banner Telegram Gametimers 2

Anche qui, vi avevamo raccontato di come molti titoli – alcuni dei quali esclusive, o esclusive temporali PlayStation 5 – avessero finalmente ricevuto le loro prime finestre di lancio: Returnal in arrivo a marzo insieme a Kena: Bridge of Spirits , Ghostwire Tokyo a fine anno e così via. Purtroppo, non sembra essere più il caso.

Lo stesso video, infatti, è stato appena aggiornato su YouTube; la nuova versione, non menziona più nessuna di quelle date, all’infuori delle esclusive first party. Vediamo ancora Ratchet & Clank Rift Apart segnalato con un generico 2021, idem Horizon 2 Forbidden West, mentre Returnal presenta ancora la vecchia data. Tutte le menzioni agli altri giochi, purtroppo, sono sparite.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Ovviamente, questo avvenimento getta un’ombra sull’ottimismo che sentivamo solo qualche giorno fa. Inutile essere disfattisti, ma è probabile che in un periodo di difficoltà globale come il nostro, gli sviluppatori non si sentano fiduciosi sulle date fornite, e che Sony sia stata un po’ frettolosa nel darle per appurate; cosa che agli sviluppatori stessi potrebbe non essere andata giù.

Anche lato first party, la situazione è piuttosto nebulosa. Dopotutto, sia Gran Turismo 7 che God of War 2 Ragnarok, normalmente previsti per quest’anno, sono ormai spariti totalmente dai radar. La sensazione che l’internet sta costruendo in queste ore è ovviamente univoca: dovremmo metterci l’animo in pace e aspettarci ulteriori annunci di slittamento al 2022?

Fonte: YouTube