Dark Souls 3: streamer fa funzionare il gioco con un controller fatto di pizza!

dark-souls-3-controller-pizza

Nel corso degli anni siamo stati abituati a vedere i titoli From Software, complicati per definizione, venire giocati e completati da eccentrici e abili videogiocatori con controller di ogni genere o con qualunque tipo di limitazione in gioco, come la ragazza che ha sconfitto Ornstein e Smough, temibili boss del primo Dark Souls, unicamente rotolando.

Tuttavia, i modi bizzarri per avventurarsi nei titoli From Software non sono ancora finiti, e infatti è notizia recente che uno streamer è riuscito a giocare a utilizzando un controller fatto di…pizza. Si, avete capito bene, quella che solitamente noi ci divoriamo davanti ad un film sul divano, l’utente “Super Louis 64” l’ha usata per avventurarsi nell’oscuro e contorto mondo del titolo From.

L’utente in questione è noto per essere un modder amante della tecnologia, e infatti ha proprio lui ha creato un controller utilizzando parti fatte di pizza, il tutto ideato tramite un sistema Plug-n-Play ed è pensato per funzionare su PS4 e PlayStation 5. Dopo aver concluso la creazione di questo particolare controller, l’utente è riuscito a farlo funzionare con Dark Souls 3.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

Una curiosità molto interessante è che quando l’utente mangiava un pezzo di pizza, il personaggio nel gioco recuperava la propria salute tramite fiaschetta di Estus, che come tutti sapranno è la pozione per ricaricare la propria energia vitale all’interno del gioco, una risorsa assolutamente preziosa vista la facilità con cui si perdono ingenti punti vita.

Ricordiamo che è disponibile per PC, Xbox One, PS4 e in retrocompatibilità anche su PlayStation 5 e Xbox Series X e S.

C’è da chiedersi se i giocatori e modder di tutto il mondo, si stiano già sfregando le mani nel pensare con quali assurdi metodi e controller porteranno a termine la prossima fatica di From Software, Elden Ring in uscita a gennaio 2022.

E voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere, come sempre, nei commenti.

Fonte: Twitter