Elden Ring: cosa ha spinto così tante persone a giocarci? Lo svela un sondaggio

Elden Ring FromSoftware Recensione PlayStation 5 14

Elden Ring ha catalizzato l’attenzione del pubblico videoludico sin dal momento del primo , e adesso che è stato rilasciato anche i risultati di vendita non possono che constatare l’enorme successo del titolo di From Software. Ma cosa ha spinto così tante persone a comprarlo? A spiegarlo è un sondaggio di Game Industry!

A rendere necessaria questa domanda è proprio il numero di copie vendute su tutte le piattaforme, solitamente riservato ai soliti ben noti titoli come o Call of Duty!
Il sito ha quindi chiesto a una sua fascia di utenza, molto presenti sia nel mondo videoludico che sul sito, quali fossero di preciso i motivi per cui avessero acquistato il titolo. L’inclusione di George R.R. Martin? Il successo degli scorsi capitoli? Le domande sono state fatte su un form a risposta multipla e questi sono i risultati!

La risposta dell’utenza è stata abbastanza unanime, con un 80% che ha risposto dicendo come l’acquisto è stato fatto a seguito della curiosità per la natura open world, un 67% che ha detto che è stata l’incredibile copertura della critica, che lo ha a dir poco esaltato con voti altissimi. E infine il 24% che ha affermato che è stata consigliata dalle impressioni di alcuni influencer, su Youtube o altre piattaforme.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Tra coloro che non lo hanno acquistato, invece, le motivazioni riguardavano principalmente la mancanza di tempo da dedicarci, e la paura di dover affrontare un titolo troppo difficile!

Insomma, le principali motivazioni sono state quelle di voler vedere la rivoluzione del mondo souls in salsa open world, e il roboante responso della critica specializzata.
E voi? Se lo avete acquistato, cosa vi ha portato a imbarcarvi nell’avventura? Ditecelo ovviamente nei commenti!

Bandai Namco, intanto, festeggia questo esplosivo successo, regalando agli utenti nuovi wallpaper ed avatar ispirato ad Elden Ring!

Fonte: GameIndustry