Fortnite: 17enne in riabilitazione perchè giocava troppo. Ninja critica i genitori

Fortnite

USA: I genitori di un ragazzo 17enne del Michigan si sono visti costretti a mandarlo in una clinica di disintossicazione per smettere di giocare a Fortnite.

Lo sparatutto di Epic Games è diventato un vero fenomeno mondiale, con 200 milioni di giocatori su tutte le piattaforme. Ma forse alcuni utenti esagerano.

Il caso in questione è quello di Debbie Vitany e suo figlio Carson che ha sviluppato una vera e propria dipendenza, passando oltre 12 ore al giorno a giocare a Fortnite.

Queste lunghissime maratone quotidiane non solo avevano un effetto negativo sull’andamento scolastico, ma anche sulla salute. Oltre ad addormentarsi a scuola durante le lezioni e non studiare più, Carson ha manifestato alterazione del sonno e altre problematiche di salute.

La madre ha testimoniato che è stata costretta a mandare il figlio in una clinica di riabilitazione per evitare un ulteriore peggioramento della situazione.

Sulla questione è intervenuto anche lo streamer Ninja, forse con un intervento un po’ fuori luogo.

In un tweet Ninja ha dichiarato: “Genitori terribili che non sanno come togliere la console ai propri figli“.

Fonte: Bloomberg

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.