Halo Infinite: fan delusi dalla grafica. Microsoft risponde: “Ovviamente migliorerà”

Halo-Infinite-Gameplay-Demo
Banner Telegram Gametimers 2

Inutile girarci intorno: dopo la presentazione di ieri, sono in molti ad essersi lamentati della qualità grafica di Infinite.

Il caso, in realtà, è molto più complesso di così. Parliamo di un titolo chiaramente in via di sviluppo e, tra l’altro, persino cross-gen. I meme continuano a susseguirsi su internet senza sosta; qualcuno, addirittura, addita il progetto come “lontano da ciò che ci si aspetterebbe dalla next-gen”. Ora persino Microsoft ha dovuto rilasciare un commento ufficiale a riguardo.

Intervistato dalla giornalista Alanah Pearce di IGN, infatti, Aaron Greenberg (Xbox marketing manager) ha voluto sottolineare come sia normale che un gioco non mostri ancora tutti i muscoli, a così tanti mesi di distanza dal lancio ufficiale.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

“Cioè, siamo nel bel mezzo di una pandemia globale”, ha detto. “Siamo ancora a luglio, lontani dalle feste natalizie, e quello che avete visto è ancora work-in-progress. Detto questo, l’avete probabilmente visto in streaming 1080p. Proprio per questo, abbiamo caricato un altro in 4K 60fps. Guardatelo così”.

“Vi assicuriamo che è difficile mostrare la vera potenza di Xbox Series X tramite una diretta. Quindi guardate quella di qualità più alta. L’unica cosa che posso riconfermarvi, di nuovo, è che è ancora in fase di lavorazione. Ogni settimana la build avanza, e 343 Industries sta ottenendo progressi ogni giorno che passa. Da qui alle feste natalizie, potrà solo migliorare”.

Vi ricordiamo come il gioco sia atteso su Xbox Series X, Xbox One e per fine 2020. Halo Infinite, purtroppo, non riuscirà ad avere una Beta pubblica proprio come promesso. Anche i piani della prova anticipata sono infatti saltati. Ora come ora, sembra non siano previsti seguiti di Infinite per almeno altri dieci anni. Questo non significa che la saga sia destinata a morire, tutt’altro: il team promette infatti un supporto di almeno 10 anni per questo episodio, rendendolo a conti fatti un vero e proprio as Service.

Fonte: WCCFTech