Hideo Kojima, ispirato da Twelve Minutes, vuole creare un nuovo adventure!

Kojima Productions

Hideo Kojima ha voglia di sviluppare un nuovo titolo adventure! La conferma arriva direttamente dal visionario Director, il quale ha detto di essere rimasto ammaliato da Twelve Minutes. Il gioco indie, sviluppato da Luis Antonio e Annapurna, ha infatti intrattenuto tanto il Game Director, il quale l’ha giocato diverse ore senza nemmeno accorgersi di quanto tempo sia passato.

“Twelve Minutes è fantastico”, ha dichiarato Hideo Kojima. “Ho perso la cognizione del tempo e alla fine ci ho giocato per circa quattro ore! Non mi sono sentito più coinvolto da un gioco dai tempi di Inside. Un’ basata su loop temporali e con stile da vendere”, conclude il primo tweet di Kojima.

Lo sviluppatore si è poi dilungato con un secondo tweet, dichiarando: “Una volta che ti abitui alla visuale dall’alto e ai controlli, non vi renderete nememno più conto. È un gioco dove bisogna usare l’astuzia. È come nei giochi Amiga che giocavo un temo. Non l’ho ancora finito ma è divertente, ora ho solo paura della visita di Dafoe!”.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Il Director, dopo essersi dilungato con questi commenti che definire lusinghieri è dir poco, ha ammesso che questo titolo ha ispirato non poco la sua voglia di creare. Kojima ha infatti ammesso che Twelve Minutes “Mi fa venire voglia di creare un altro gioco adventure”.

Ci chiediamo cosa stia pensando Luis Antonio dopo aver letto questi tweet, lo stesso Luis Antonio che magari da piccolo giocava proprio ai titoli di Kojima. In ogni caso, Twelve Minutes è ormai disponibile sulle piattaforme Microsoft, vale a dire Xbox One, /S e PC. Oltre alle lodi di Kojima, il titolo ha ricevuto ottime recensioni da parte della critica.

Hideo Kojima invece è attualmente al lavoro sul trailer di Death Stranding: Director’s Cut, la quale ci aspettiamo sarà pronta per l’uscita del gioco su PlayStation 5 a brevissimo. Siamo curiosi di vedere cosa realizzerà Kojima, soprattutto se consideriamo che a lui non è neppure piaciuta la definizione Director’s Cut!

Fonte: Dualshockers