Next-Gen: Come scegliere la TV Ideale per PlayStation 5 e Xbox Series X

PlayStation 5 Xbox Series X next-gen
Banner Telegram Gametimers 2

Col passare dei giorni l’arrivo delle console Next-Gen è sempre più vicino. Pur non essendo ancora noti i prezzi, su alcuni siti è già possibile prenotare una PlayStation 5 o una Xbox Series S. Anche GameStop ha lanciato una iniziativa per chi non possiede ancora una console o nel prossimo semestre vuol fare il passaggio alle console mid-gen (trovate tutti i dettagli in questa news).

Come ormai già saprete, Sony aveva programmato un evento streaming in cui ci avrebbe mostrato i giochi per PlayStation 5. Purtroppo a causa dei recenti avvenimenti di cronaca che sono avvenuti in Minnesota, e hanno infiammato tutti gli USA, la casa nipponica ha deciso di posticipare l’evento che si terrà giovedì sera.

Un primo assaggio delle potenzialità delle nuove console ce lo ha già mostrato Epic Games con il suo nuovo motore grafic Unreal Engine 5, che le console next-gen spremeranno al massimo e di cui abbiamo parlato approfonditamente in questo articolo.

Abbiamo anche già parlato in un precedente articolo delle caratteristiche tecniche delle due console next-gen di Sony e Microsoft. Ma se ormai un po’ tutti vi hanno spiegato e parlato nel dettaglio di Ray Tracing e SSD, non si è parlato di altre nuove caratteristiche piuttosto interessanti.

Stiamo parlando di tre nuove tecnologie introdotte già in alcune TV e che saranno uno standard per le nuove TV con porta HDMI 2.1. Queste tecnologie sono: Frequenza di refresh a 120Hz, Variable Refresh Rate, e Auto Low Latency Mode. Andiamo a scoprire nel dettaglio a cosa servono.

Frequenza di refresh a 120Hz

Le nuove console di Microsoft e Sony saranno in grado di far girare i giochi fino a 120fps. Ma la stragrande maggioranza delle TV in commercio non supporta frequenze di refresh del pannello superiori ai 60Hz, quindi pur volendo non supporteranno un framerate superiore ai 60fps.

Il refresh a 120Hz, che sarà uno standard su HDMI 2.1, permetterà di raggiungere anche framerate superiori ai 60fps (qualora i giochi lo consentano) rendendo le scene estremamente fluide. Questo va a tutto vantaggio di quei titoli frenetici come FPS e racing game.

Variable Refresh Rate (VRR)

Il Variable Refresh Rate o VRR è un sistema simile alle tecnologie Nvidia G-Sync e AMD FreeSync adottate dai monitor per PC, ma sviluppato e adattato alle TV.

Questa tecnologia sincronizza il refresh della TV, in modo tale che appena la console rende disponibile un fotogramma questo viene immediatamente visualizzato sul display. Senza questa tecnologia una volta disponibile il frame bisogna attendere il ciclo di clock successivo del refresh prima di visualizzarlo.

Ciò significa che ogni frame può venir visualizzato con fino a 1/60 di secondo di ritardo generando una lag che può arrivare fino a 16,67ms.

Auto Low Latency Mode (ALLM)

L’Auto Low Latency Mode o ALLM, è un’altra funzionalità pensata appositamente per i gamer. Quando vediamo normalmente un qualsiasi canale televisivo o una trasmissione in streaming, l’immagine viene elaborata in post-produzione dal processore grafico della TV.

I miglioramenti grafici (ma anche audio) che vengono apportati al flusso video, ne ritardano inevitabilmente la visualizzazione. Quindi tutti gli effetti applicati, come l’Effetto Cinema, l’HDR simulato, e una maggior saturazione del colore, influiscono negativamente sull’Input LAG.

L’Auto Low Latency Mode disattiva tutti questi effetti in automatico quando si avvia un gioco. Questo contribuirà a ridurre al minimo la LAG.

Le migliori Smart TV in commercio

Una volta approfondito le novità che ci aspetteranno, è giunto il momento di pensare al futuro. Quali sono le migliori Smart TV in commecio che sfrutteranno al 100% le console Next-Gen?

Dobbiamo ammettere che i produttori di TV sono un po’ in ritardo sotto questo aspetto. Al momento solamente LG è abbastanza all’avanguardia da supportare tutte le sopracitate funzionalità nei modelli 2020 già presenti sul mercato.

Queste TV inoltre adottano una tecnologia in quadricromia con ‘Pixel Autoilluminanti. Anzichè avere un pannello retroilluminante, i pannelli LG adottano un sub-pixel aggiuntivo di colore bianco che è in grado di regolare l’illuminazione di ogni singolo pixel. Questo permette di avere immagini più realistiche e al contempo abbattere le problematiche di burn-in.

La TV LG top di gamma è la LG OLED55CX6LA già disponibile nei modelli da 55″ e 65″, ma che sarà nei prossimi mesi disponibile anche nei formati da 48″ e 77″. Questo modello adotta anche l’ultimo chip grafico Alpha 9 di LG che renderà le immagini nitide e vivide come non mai!

Molto più alla portata di tutte le tasche la sorella minore. La LG OLED55B9SLA sempre da 55″ e basata sul chip grafico Alpha 7 di seconda generazione. Un vero e proprio gioiello dal rapporto qualità prezzo incredibile, reso ancor più ancor più goloso dallo sconto Amazon di 150€ rispetto al prezzo di listino indicato da LG sul proprio sito.

Scendendo di un gradino e abbandonando le TV OLED, ci sono le TV Samsung Serie Q90R che supportano la tecnologia FreeSync a 120Hz. Sono tra le migliori TV non-OLED sul mercato, ma purtroppo i prezzi sono anche particolarmente elevati.

Questi e tanti altri consigli sulle TV ideali per la Next-Gen li potete approfondire in un articolo di Digital Foundry (realizzato prima dell’arrivo in commercio i modelli LG sopracitati che rimangono senza alcun dubbio i migliori).

Se invece siete alla ricerca di una Smart TV 4K a prezzo scontato, consultate le ultime offerte che abbiamo pubblicato oppure iscrivetevi al nostro canale Telegram per restare aggiornati.

Ci teniamo a precisare che HDMI 2.1 e queste nuove funzionalità non saranno obbligatorie sulle console Next-Gen. Le vostre attuali TV saranno perfettamente compatibili, pur non sfruttando tutte le funzionalità al 100%.


Per garantire la massima rapidità nelle consegne, vi suggeriamo di effettuare la prova gratuita di Amazon Prime. Questo servizio otre a offrire spedizioni prioritarie in tempi ridottissimi vi garantirà anche:

Vi segnaliamo inoltre che Amazon Prime è in offerta a metà prezzo per tutti gli studenti, con un periodo di prova gratuito di tre mesi!

Rispondi