PS5: scheda madre e dissipatore più piccoli. Ecco la “cura dimagrante” di Sony

sony-playstation-5-ps5

Nei giorni scorsi, vi ricorderete, vi abbiamo parlato di un nuovo modello di PS5 attualmente in vendita in Australia, atteso in Giappone tra qualche giorno e presto in arrivo in tutto il mondo. I nuovi modelli di PlayStation 5, sia Digital Edition che con lettore dischi, sono più leggeri rispetto a quelli venduti nel corso del 2021 e di questa parte del 2022. La riduzione di peso è ancora più impressionante se paragonata rispetto ai primissimi modelli in commercio a partire da fine 2020. Fino a 600 grammi in meno per la PlayStation 5 “Classica” e mezzo chilo in meno per la Digital Edition.

Sebbene le prime informazioni riportassero come la “dieta” di non fosse stata così dura, un’analisi più approfondita svela le “magagne”. Lo YouTuber Austin Evans ha messo le mani su uno dei nuovi modelli in circolazione, l’ha aperto e l’ha confrontato con i precedenti. Il content creator ha scoperto che le nuove PS5 sono più leggere grazie ad una motherboard più contenuta e ad alcune modifiche al sistema di raffreddamento. In particolare, dimensioni ridotte per il dissipatore. Tale riduzione è compensata dall’aggiunta di un piccolo tubo di raffreddamento in più.

La scheda madre e il dissipatore così ridisegnati si traducono anche in una nuova disposizione della componentistica. Austin Evans rivela che, con la nuova configurazione, ad esempio, la batteria tampone di PS5 adesso viene nascosta dal dissipatore stesso quando, fino a poco tempo prima, era raggiungibile più facilmente. Per sostituirla, dunque, sarà necessario smontare tutto.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Altra novità è costituita da un nuovo sistema di ancoraggio per l’SSD. Più semplice e con alcune parti in metallo scoperte. Evans ammette di non sapere perché sia stato modificato anche questo aspetto. Il sospetto è che si tratti di un modo per migliorare la dispersione di calore a fronte delle modifiche menzionate nel paragrafo precedente.

Fonte: Austin Evans