PUBG: Arrestati in Cina 120 sviluppatori di cheat

PlayerUnknown's Battlegrounds

La piaga dei cheater in Cina è particolarmente sentita. Il provider di servizi internet cinese Tencent ha aiutato la polizia locale ad arrestare 120 sviluppatori di cheat per PlayerUnknown’s Battlegrounds.

Tencent è un partner di PUBG Corporation che realizzerà e distribuirà la versione cinese del gioco.

Attualmente la metà degli account di PUBG sono cinesi e il problema dei cheater è molto forte. Ad oggi sono stati già bannati 1,5 milioni di giocatori, sugli attuali 27 milioni complessivi.

Fonte: Bloomberg

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here