Resident Evil Village: la Demo gira in 4K e 60fps anche con ray tracing attivo, su PlayStation 5!

resident evil village ps4 ps5

Ieri per i sistemi PlayStation è stata finalmente resa disponibile la prima parte della demo a tempo di Resident Evil Village, con lo scenario del villaggio. Un piccolo assaggio in attesa dell’esperienza completa che ci attenderà il 7 maggio, quando il nuovo capitolo dell’horror firmato Capcom sarà reso disponibile in modo completo per tutti.

Banner Telegram Gametimers 2

La demo tuttavia ha rivelato una sorpresa. A quanto pare Residen Evil Village gira su PlayStation 5 a 4K e 60 anche tenendo il ray tracing attivato. Un dato che va in contrasto con quanto detto da Capcom nei giorni scorsi nell’esposizione delle varie modalità grafiche disponibili sulle console next-gen e old-gen.

Infatti secondo i dati ufficiali dell’azienda nipponica, Resident Evil Village dovrebbe girare su PlayStation 5, qualora si scegliesse di attivare la modalità ray tracing a 4K e a 45fps, ma sfruttando la tecnica del checkerboard rendering per diminuire la risoluzione si è visto che il gioco girava a 60fps anche in presenza del ray tracing.

Sembra così che tutte e due le modalità grafiche di Resident Evil Village su PlayStation 5 diano i medesimi risultati, nonostante sia stato riscontrato che con il ray tracing attivo il gioco effettivamente fa un po’ di fatica nel mantenere i 60fps sempre al massimo.

Il video confronto realizzato da VG Tech, metteva a confronto anche la versione Pro e PS4 di Resident Evil Village, che ovviamente hanno dato risultati diversi in termini di performance.

PS4 Pro permette due risoluzioni grafiche, chiamate rispettivamente “Modalità Risoluzione” e “Modalità Performance“, dove nella prima abbiamo il 4K e 40fps, mentre nella seconda una risoluzione di 1080p e 60fps.

Sulla PS4 base invece è stata annunciata come unica modalità: 1080p e 60fps, ma nel caso della demo la risoluzione è stata solo di 900p.

E voi cosa ne pensate, avete già provato la demo? Fatecelo sapere come sempre nei commenti.

Fonte: YouTube