Twitch: nuove regole per il gioco d’azzardo. Stretta agli streaming da ottobre

twitch

Twitch promette controlli più severi e regole più stringenti riguardo la trasmissione in live streaming dedicate a gambling e gioco d’azzardo. A dichiararlo è la piattaforma sussidiaria di Amazon, di proprietà di Jeff Bezos, attraverso il suo profilo Twitter con una nota che elenca una serie di precisazioni. Vediamola insieme.

Innanzitutto, non è previsto un ban per questo genere di contenuti ma una serie di regole più stringenti che avranno effetto a partire dal 18 ottobre. Twitch ricorda di aver sempre vietato la possibilità di condividere referral link indirizzati a pagine dedite al gambling. Ovvero, era possibile trasmettere contenuti relativi a slot, roulette o comunque gioco d’azzardo. Ciò che non era possibile – almeno sulla carta – era la monetizzazione di queste trasmissioni con link esterni a Twitch stessa. Una rinnovata sensibilità rispetto all’argomento ludopatia – inserita dalla Organizzazione Mondiale per la Sanità tra i disturbi del controllo degli impulsi e tra le dipendenze comportamentali – ha convinto Twitch a prendere atto della problematica e inasprire ulteriormente le regole.

Come risolvere la situazione? Sulla ‘piattaforma viola’ a partire dal 18 ottobre non sarà più possibile “fare squadra” con siti e piattaforme non opportunamente registrati agli organi ed enti di competenza del paese di riferimento. Per fare un esempio, gli streamer italiani non potranno fare affidamento a siti non registrati con ADM (ex AAMS). Consentita invece, almeno per il momento, la trasmissione di siti dediti alle scommesse su eventi sportivi, al gioco del Poker e sports.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Che sia una risposta definitiva? Difficile dirlo con certezza adesso. Bisognerà attendere il 19 ottobre per capire come le nuove regole impatteranno sulla qualità delle trasmissioni, sui contenuti proposti dagli streamer – che da poco hanno visto in Italia il riconoscimento della loro attività come professione vera e propria – e, soprattutto, sulla risposta dell’utenza.

Fonte: Twitch Twitter