William Shatner: il viaggio nello spazio del Capitano Kirk con Blue Origin è stato un successo!

William Shatner Capitano Kirk Blue Origin

Ve ne avevamo già parlato nei giorni scorsi. William Shatner, meglio conosciuto come il Capitano Kirk nella saga classica di Star Trek è riuscito a coronare il suo sogno, andare nello spazio! Questo è stato possibile grazie alla società di turismo spaziale Blue Origin fondata da Jeff Bezos e suo fratello Mark.

Blue Origin ha infatti l’obiettivo di portare nello spazio a 100Km di quota i primi turisti spaziali. Il viaggio inaugurale della compagnia si è tenuto questa estate a luglio, mentre quello di ieri pomeriggio è stato il terzo volo della compagnia. Complessivamente dal lancio all’atterraggio l’intera esperienza dura solamente 10 intensi minuti (vi lasciamo la live integrale dell’evento a fondo articolo).

A bordo del razzo New Shepard c’erano l’attore Wiliam Shatner, accompagnato da Audrey Powers, Vicepresidente di Missione e Operazioni di Volo. Con loro altri due turisti Chris Boshuizen, co-fondatore di Planet Labs e Mission Architecht della NASA, con Glen de Vries, the co-founder of Medidata Solutions, a life science company.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

altre due persone. Tutte entusiaste dell’esperienza vissuta. William Shatner si è anche guadagnato un record non da poco, con i suoi 90 anni di età portati decisamente bene, è la persona più anziana a essere stata nello spazio.

Prima della partenza l’attore ha dichiarato: “Siamo appena all’inizio, ma questo inizio è miracoloso“. Ancor più entusiastiche le sue parole al ritorno, dove a dargli il bentornato sulla Terra è stato lo stesso Jeff Bezos in persona. Spero di non risvegliarmi mai da questo. Spero di poter mantenere i miei attuali sentimenti. Non voglio parderli, ha dichiarato William Shatner a Jeff Bezos una volta uscito dalla capsula di atterraggio.

Certo la fantascienza di Star Trek per noi è ancora lontana, anzi lontanissima. Non abbiamo ancora le tecnologie necessarie per viaggiare verso altri pianeti, o quantomeno non in sicurezza per l’equipaggio e con tempi di viaggio facilmente gestibili. Giusto per fare un esempio, un viaggio verso di andata e ritorno e senza metter piede sul Pianeta Rosso durerebbe mesi. Impossible anche solo immaginare di uscire dal nostro Sistema Solare, vi basti pensare che la sonda Voyager 1 ha impiegato ben 35 anni a raggiungere lo spazio interstellare, e ‘avvicinarsi‘ a meno di 2 anni luce al prossimo sistema stellare solamente tra circa 40.000 anni!

Fonte: ABC News