Xbox Game Pass: secondo un publisher l’abbonamento non danneggerebbe gli sviluppatori, anzi li salva da un eventuale flop di vendite!

Xbox Game Pass Family Plan 5 players Xbox One Xbox Series S Xbox Series X PC Game Pass Microsoft Xbox Game Studios

L’offerta di Xbox Pass è conveniente non soltanto per gli utenti finali, ma anche per gli stessi sviluppatori dei giochi inseriti nell’abbonamento. A dirlo, è la persona a capo del publisher No More Robots!

Una delle critiche principali rivolte all’offerta di Pass è proprio quella di non riuscire ad attrarre tanto guadagno come la vendita di giochi retail, mettendo quindi gli sviluppatori dei giochi presenti in questa libreria in una netta posizione di svantaggio. Ma è vera questa considerazione?

A rispondere a questa domanda troviamo Mike Rose, a capo della firma di publishing di titoli principalmente indie No More Robots, in una serie di tweet abbastanza esplicativa!

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

“L’ho già detto prima, ma: Pass sta garantendo il successo a decine di sviluppatori ogni singolo mese, pagando loro tutti i costi di sviluppo (e anche di più) il primo giorno. Chiunque twitti ‘ Pass è un male per i devs’ non ha la minima idea di come funzioni questa industria, e dovrebbe stare zitto, ha scritto Mike Rose.

Sembra quindi che agli l’entrare nel catalogo di giochi Xbox Pass possa essere quindi una ghiotta occasione, con la quale rifarsi di tutte le spese in tempi brevissimi!

In aggiunta Mike Rose fa un esempio chiarendo che quando un gioco viene pubblicato al Day 1 su Xbox Pass, Microsoft si è già occupata di ripagare tutti i costi di sviluppo. Senza che lo sviluppatore debba preoccuparsi delle vendite.

Insomma, con la grande esperienza maturata assieme ai molti developer i cui giochi sono entrati a far parte dell’offerta Pass, Mike Rose sembrerebbe parlarne con grande cognizione di causa, e per questo tendiamo a crederci.

Pare quindi che la adottata da Microsoft sia ottimale sotto anche questo punto di vista, anche se dall’altra parte dell’oceano, in casa PlayStation, Sony continui a non crederci molto!

Fonte: Mike Rose