Xbox: Phil Spencer si complimenta per il DualSense di PlayStation 5 e apre alla VR basata su xCloud!

DualSense PlayStation 5

Il capo di Xbox Phil Spencer si è complimentato con il controller DualSense di PlayStation e ha suggerito che potrebbe ispirare Microsoft ad aggiungere funzionalità al proprio controller.

Microsoft si è attenuta a un design familiare per i suoi pad Xbox Series X e S, apportando solo piccole modifiche al suo design e miglioramenti sotto la scocca. In confronto, Sony ha deciso di ridisegnare completamente il suo controller con nuove funzionalità come feedback tattile e trigger adattivi.

Parlando nell’ambito dell’ultimo Kinda Funny Gamescast, Spencer ha affermato che Xbox probabilmente non produrrà accessori su misura importanti come le cuffie VR nell’immediato futuro, ma ha suggerito che ci sono buone probabilità che possano immettere sul mercato una versione aggiornata del controller Xbox.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

“Quando penso alla nostra roadmap hardware, amo davvero l’evoluzione del team di Liz Hamren e il lavoro che hanno svolto”, ha detto Phil Spencer “Stiamo sicuramente pensando a diversi tipi di dispositivi che possano portare più giochi in più luoghi. Probabilmente c’è del lavoro che faremo sul controller. Penso che Sony abbia fatto un buon lavoro con il suo controller e diamo un’occhiata ad alcune di queste cose e [pensiamo] che ci sono cose che dovremmo fare” e ha continuato “Ma [siamo] probabilmente non nel settore degli accessori più su misura in questo momento”, ha aggiunto. “Guardiamo solo cosa succede su Windows e in altri luoghi e vediamo se ci sono opportunità uniche per noi. In questo momento non credo che ci sia nulla di ovvio per me”.

All’inizio di quest’anno, Microsoft ha sottoposto un sondaggio ai clienti in possesso di Xbox Series X e S, per capire se desideravano vedere le funzionalità del DualSense di PlayStation 5 implementate anche sulle nuove ammiraglie di casa Microsoft.

Alla domanda specifica sulla probabilità che Xbox entri nel mondo della VR o AR con le proprie periferiche, Spencer ha detto a Kinda Funny che al momento ciò non rientra nei suoi pensieri.

“Stiamo guardando cosa succede su PC”, ha detto “Per quanto riguarda specificamente la realtà virtuale, la migliore esperienza che ho visto è Quest 2 e penso solo che la sua facilità d’uso non richieda per me che sia collegata a una Xbox in alcun modo. Quindi, quando guardo uno scenario del genere, penso a XCloud, penso alla community di Xbox Live, penso ad altre cose su come potremmo portare i contenuti su uno schermo del genere. Sia che facciamo qualcosa del genere attraverso partnership di prima parte o di terze parti è una specie di secondo passo, per farlo pensiamo che i giochi che abbiamo attualmente e che siamo in grado di eseguire sulla nostra piattaforma funzionerebbero lì”.

Parlando nel febbraio 2020, prima del lancio di Xbox Series X e S, Spencer ha dichiarato che Microsoft non aveva intenzione di supportare i dispositivi VR con la console.

Mesi prima, il dirigente ha attirato critiche con commenti sulla realtà virtuale, che alcuni percepivano come sprezzanti nei confronti della tecnologia. Ha definito la realtà virtuale un formato relativamente di nicchia e “isolante” che non si adatta alla sua visione del gioco come passatempo “comune”.

Il capo di Xbox in seguito ha chiarito i suoi commenti, affermando di “amare” il fatto che l’industria dei giochi sia pioniera in diversi campi, pur osservando che la realtà virtuale “non è il nostro obiettivo”.

E voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere, come sempre, nei commenti.

Fonte: videogameschronicle