Activision Blizzard: acquisizione da parte di Microsoft approvata dagli investitori quasi all’unanimità!

Come ormai ben sappiamo, a inizio 2022 Microsoft aveva deciso di acquisire Activision Blizzard e King, proprio come avvenuto con il gruppo di cui fa parte Bethesda. Un’operazione commerciale mastodontica, venuta a costare circa 68,7 miliardi di dollari. Certo, non è una cosa che avviene dall’oggi al domani, e infatti per la chiusura di questa transazione ci vorrà ancora del tempo. La strada, però, è ora tutta in discesa.

Di recente, gli azionisti di Activision Blizzard sono stati chiamati a votare riguardo a quest’operazione. A tal proposito, SOC Investment Group aveva chiesto agli investitori di votare contro l’acquisizione di Microsoft. Questo perché l’ingresso dell’azienda guidata da Bobby Kotick alla corte degli studi gestiti da è subordinato alla votazione del consiglio di amministrazione e degli shareholders di Activision Blizzard. Ma, con il 98% di voti a favore, gli azionisti hanno espresso il proprio parere positivo.

Bobby Kotick ha voluto dire la sua riguardo a questo risultato, affermando: “Il travolgente voto di supporto di oggi dai nostri stockholders confermano la nostra visione comune. Insieme a Microsoft, avremo una posizione ancora migliore per creare enormi valori per i nostri giocatori, migliori opportunità per i nostri dipendenti, e continuare il nostro focus sul diventare un esempio per tutti di accoglienza, rispetto e inclusione“. E infatti, di recente l’azienda ha nominato la Diversity Chief, che si occuperà di promuovere i valori dell’inclusività.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Benché il voto debba venir ancora certificato e segnalato alla Commissione per la e lo Scambio, questo non è altro che una formalità. Questo non significa che Microsoft sia già proprietaria di Activision Blizzard. I tasselli mancanti sono ormai pochi, tra cui lo scrutinio da parte delle autorità di regolamentazione come lo US Federal Trade Commission, e quelle in Europa e Cina. Come detto dal portale Gamespot, queste autorità potrebbero rallentare o frenare del tutto l’acquisizione, come avvenuto con Nvidia e Arm.

E voi cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Fonte: Gamespot