Akira: oggi come 10 anni fa, la moto di Shotaro Kaneda prende vita!

akira-motorcycle

Neo Tokyo, anno 2019. La città è stata ricostruita a seguito dell’esplosione nucleare che ha dato il via alla terza guerra mondiale. Lo avrete riconosciuto: è l’incipit narrativo di Akira, serie di manga creata dalla fantasia di Katsuhiro Ōtomo e poi trasposta su pellicola sotto forma di lungometraggio animato. Un opera che è divenuta caposaldo del genere cyberpunk. Tra le tante icone la più riconoscibile è di sicuro la motocicletta di Shotaro Kaneda, il protagonista.

L’immagine di Kaneda che si avvicina alla sua motocicletta è una immagine che, da sola, può far riconosce Akira a chiunque. Una foto imitata e riproposta ogni qualvolta ci si trovasse una moto davanti. Ecco, qualcuno non si è più accontentato di utilizzare una moto qualunque. Stiamo parlando di Ayato, proprietario del canale YouTube Teru Teru. Attraverso il suo canale, lo youtuber ha riassunto le parti salienti del progetto. La moto utilizzata come base è stata una Yamaha Majesty 250. Più uno scooter grosso formato che una moto, ma tanto basta. Telaio e gomme modificate ma tutto rigorosamente nel massimo rispetto del codice stradale giapponese, spiega Ayato. Nei giorni scorsi, attraverso twitter, l’uomo ha mostrato le ultime modifiche apportate con l’applicazione dei led. Ultima modifica prima di avere una replica quasi perfetta della moto vista in Akira è la vernice. Il motociclo che sfreccia per Neo Tokyo è rosso, quello realizzato IRL grigio.

Akira-moto-realtà

Ayato non è il primo a rendere omaggio ad Akira in questo modo tutto particolare. Era già successo nel 2012. Dieci anni fa, un altro giapponese, il signor Shinji Tejima, grazie alla collaborazione dell’officina Ushijima realizzò una replica quasi perfetta. Il lavoro era cominciato nel 2005 ed era costato oltre 10 milioni di Yen. La moto fece un tour del Giappone. L’idea dei realizzatori era quella di raccogliere fondi a favore dell’associazione Bokura Company, impegnata nel sostegno ai bambini affetti da autismo. A fine tour, nel maggio del 2012, la moto venne esposta come opera d’ durante la Katsuhiro Otomo Genga Exihibition.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX
Shinji Tejima Akira
Katsuhiro Otomo Genga Exihibition Akira moto

Insomma, passano gli anni ma l’opera di Ōtomo resta nella memoria e nel cuore dei fan di tutto il mondo. Di quelli appassionati di motori un po’ di più. Durante l’Anime Expo del 2019, invece, l’autore originale dell’opera aveva annunciato che sarebbe stata realizzata una serie anime tratta dal manga. Al momento ancora nessuna notizia certa sullo stato dei lavori.

Fonte: Kotaku twitter