Bud Light, azienda che produce birre e bevante analcoliche, è in cerca di un… ‘Chief Meme Officer’!

Bud Light Meme
Banner Telegram Gametimers 2

La Bud Light, un azienda produttrice di birre a basso contenuto di zuccheri, nonché di bevande analcoliche, è in cerca di un addetto che si occuperà di… fare meme per l’azienda! Il nome del ruolo è, per l’esattezza, ‘Chief Meme Officer‘, e si occuperà di fare meme su bevante analcoliche gassate dell’azienda.

L’annuncio è arrivato in conferenza stampa, e recita la seguente richiesta: “Siamo entusiasti di assumere il primo Chief Meme Officer del marchio per aiutarci a generare meme sui nostri hard seltzer”, dunque se siete alla ricerca di un lavoro e siete bravi nel fare meme di alta qualità, questo è la vostra occasione!

Avrete tempo fino al 18 settembre 2020 per proporre la vostra candidatura, e i requisiti sono l’avere almeno 21 anni. Le selezioni saranno svolte online e dovrete dimostrare la vostra bravura mandando meme originali e di alta qualità, sostituendo a conti fatti l’invio del proprio CV.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

“Noi di Bud Light abbiamo creato il perfetto hard seltzer. È filtrato cinque volte, ha 100 calore ed è disponibile in quattro gusti buonissimi. Ma sappiamo che un seltzer è buono solo con dei buoni meme e purtroppo i nostri sono davvero brutti. Abbiamo bisogno di qualcuno che possa cambiarli, che sappia usare il lazo di Photoshop. Qualcuno come te! Aiutaci per favore”, conclude l’azienda.

Inoltre la paga è anche molto buona, dal momento che parliamo di ben 4200€ al mese, per un lavoro che in realtà è molto meno banale di quanto possa sembrare. I meme, stranamente, stanno diventando sempre più importanti nel marketing di diverse aziende; per questo bisognerà saper stare al passo con i meme del momento per continuare a catturare interesse.

Tra molti esempi, non possiamo che pensare a quei geniacci di Unieuro e Treccani; che stanno usando i meme per far presa su un pubblico più giovane e promuovere iniziative o, perché no, divulgare cultura. Il caso più lampante, però, è probabilmente quello di Taffo, un’azienda funeraria di Roma che ha fatto dell’ironia il suo punto di forza.