Elden Ring: dopo George R. R. Martin, Bandai Namco pensa a una collaborazione con l’autore del sequel de La Ruota del Tempo

george r. r. martin Game of Thrones HBO

Bandai Namco potrebbe presto allargare la cerchia di collaboratori estendendo l’invito ad altri scrittori occidentali. A Elden Ring ha lavorato, pur con alcuni limiti, George R. R. Martin, autore delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco. Per i prossimi giochi potrebbero esserci altri nomi. È quello che suppone, e spera, lo scrittore Brandon Sanderson, autore di Mistborn e che ha preso in mano l’ultimo capitolo de La Ruota del Tempo (concludendo il lavoro del prematuramente scomparso Robert Jordan).

La presunta volontà di Bandai Namco è emersa nel corso di una live stream organizzata proprio da Sanderson. Nel corso della trasmissione, l’autore ha mostrato e spacchettato in diretta un regalo da parte dei del gioco FromSoftware. All’interno vi ha trovato alcuni contenuti legati ad Elden Ring. Non solo il gioco ma anche una mappa dell’interregno, un mantello, una statuina in legno raffigurante Malenia ed uno spadone. Insieme al pacchetto una lettera che però l’autore non ha voluto leggere a voce alta. Della missiva, Sanderson ha solo riassunto il contenuto dicendo che si trattava di un invito a lavorare insieme. Cosa che allo scrittore interessa fare.

In passato, riporta PC Gamer, Sanderson si era espresso pubblicamente sul coinvolgimento di Martin in Elden Ring. In quel caso non ci andò leggero lamentando di essere stato ‘scavalcato’ da Martin. Sanderson si era lamentato asserendo di avere in generale una migliore conoscenza del mondo videoludico e in particolare dei titoli FromSoftware. A fine 2021 disse anche di stare già lavorando ad un videogioco. Ora, alla luce di queste novità, è possibile che le divergenze tra lui e Bandai Namco verranno appianate.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Cosa ne pensate? A che cosa potrebbero collaborare in futuro? Sapevate che secondo alcuni i nomi dei boss di Elden Ring siano un omaggio a Martin stesso?

Fonte: PC Gamer