Electronic Arts: vendite in calo, ma FIFA Ultimate Team continua a far segnare ricavi record!

FIFA 22 Annuncio EA Sports

Come è ben noto in questo periodo iniziano ad emergere i dati relativi ai risultati finanziari che le diverse compagnie registrano tra aprile e giugno. Nel suo report Electronic Arts comunica una crescita del 6,3% dei ricavi pari a 1,55 miliardi di dollari. La cosa che però salta subito all’occhio è il fatto che nonostante i guadagni siano aumentati le vendite sono al contempo diminuite.

Su Twitter Daniel Ahmad mostra come, nel trimestre aprile-giugno 2021 i ricavi che derivano dalle vendite di giochi abbiano registrato un calo del 19% rispetto al periodo precedente. In compenso si è verificato un’aumento del 13% per quanto riguarda i live service come Fifa Ultimate Team, Apex Legends e titoli mobile.

Osservando con maggiore informazione i dati forniti si può vedere come FIFA 21 abbia segnato il traguardo dei 31 milioni di giocatori, mentre Apex Legends nel corso della stagione 9 registra una media settimanale di 13 milioni di giocatori online.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

FIFA Ultimate invece è il titolo EA che stupisce maggiormente, con una crescita del 48% di match disputati. Questo incremento, insieme al grande numero di giocatori hanno sicuramente avuto un ruolo fondamentale nell’aumento dei guadagni per l’azienda.

Infine non bisogna dimenticarsi che manca ormai poco al debutto di FIFA 2022 le cui vendite sicuramente saranno decisive per far terminare ad EA il 2021 con risultati decisamente eccellenti.

FIFA 22 uscirà il 27 settembre 2021 su 4, PlayStation 5, Xbox One, Xbox Series X, Xbox Series S e PC. Su il gioco porterà una grossa novità che aumenterà il realismo del gameplay, l’Hypermotion Technology, una feature che tramite riesce a replicare le movenze reali dei 22 giocatori in campo, il tutto contemporaneamente.

Inoltre per la prima volta all’interno del brand in FIFA 22 nella modalità Pro Club sarà possibile giocare come una calciatrice.

Fonte: Twitter