Final Fantasy 16 sarà il capitolo più adulto e oscuro! L’esclusiva temporale di PS5 avrà il PEGI 18?

final fantasy 16 ps5 j-rpg square enix
Banner Telegram Gametimers 2

La presentazione di Final Fantasy 16 è sicuramente stata uno dei momenti più emozionanti dello showcase PS5 del 16 settembre. Già il solo trailer di ci ha dato l’idea di toni decisamente più oscuri e sanguinolenti. Avremo quindi a che fare con un capitolo più cupo e maturo rispetto i canoni del franchise. Non ci sembrerebbe sicuramente assurdo che per la prossima fantasia finale possa essere indicato il PEGI 18.

Per chi non lo sapesse, PEGI è l’acronimo di Pan European Information e serve a classificare i videogiochi attraverso categorie di età. Questo significa che l’inedito capitolo del popolare JRPG di Square Enix sarebbe adatto per un pubblico di maggiore età. Nel gioco potrebbero addirittura esserci contenuti espliciti, temi sessuali e molto altro ancora.

Questa indicazione emerge da una valutazione provvisoria, che potrebbe cambiare per la release. Resta comunque interessante che sia stato pensato per un capitolo della serie questa indicazione, inedita per i suoi predecessori. Se il rating venisse confermato, potrebbe esserci davvero un punto di svolta per i toni che costruiscono il racconto di un Final Fantasy.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Ricordiamo che Final Fantasy 16 uscirà inizialmente per . Secondo alcuni rumor, l’esclusività dovrebbe durare sei mesi dal lancio, dopo i quali il titolo sarà giocabile anche su PC. I giocatori console dovrebbero invece attendere un anno dalla sua pubblicazione su PS5.

Non abbiamo ancora una data per la pubblicazione del gioco. Uno dei periodi di lancio più accreditati è previsto per l’inizio del 2022.

Ricordiamo che quest’anno è uscito il Remake della parte di Midgar di Final Fantasy 7. Il rifacimento ha avuto un buon successo e Square Enix ha ringraziato gli appassionati. I fan non vedranno sicuramente l’ora di saperne di più sul nuovo titolo del JRPG per eccellenza.

Scriveteci cosa ne pensate.

Fonte: Twitter