Metal Gear Solid: i remake PS5 sarebbero più di uno? Rifatta la prima trilogia?

metal gear solid remake ps5

Anno nuovo, vecchi rumor. Abbiamo sentito così spesso del ritorno di Metal Gear Solid che, sinceramente, iniziamo a essere davvero ottimisti a riguardo. E infatti, eccolo tornare ancora una volta.

La voce di oggi non è così diversa da quella dei mesi scorsi: il remake di Metal Gear Solid esiste, arriverà e sarà annunciato prima di quanto possiate immaginare. E con lui, anche il seguito ufficiale di Silent Hill.

Banner Telegram Gametimers 2

A gettare benzina sul fuoco è l’utente di Resetera KatharsisT, insider ritenuto generalmente affidabile. In un topic incentrato sui progetti esclusivi Sony, infatti, l’utente in questione avrebbe riconfermato come sia Metal Gear che Silent Hill saranno presto esclusive 5.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

Eppure, una piccola novità in realtà la abbiamo: KatharsisT si riferisce ai remake utilizzando il plurale. Per la prima volta, la voce di corridoio punterebbe quindi a PIÚ capitoli della saga in arrivo sotto forma di remake, e non solo il primissimo episodio ambientato a Shadow Moses.

Che il remake di Metal Gear, quindi, comprenda numerosi progetti a lungo termine che punteranno a un lifting totale della prima intera trilogia? O addirittura quadrilogia, con Guns of the Patriots in chiusura? Sarebbe un sogno, eppure sta diventando pian piano realtà.

A seguito, vediamo il leaker parlare di un Silent Hill attualmente in sviluppo presso Sony Japan , sempre in esclusiva PS5. Che sarebbe davvero una buona notizia, dopo tutto il pessimismo che ha circondato lo studio negli ultimi giorni dopo l’abbandono del producer di Demon’s Souls Remake e Bloodborne.

I progetti di Metal Gear sarebbero quindi in mano a Bluepoint Games, già famosa per averci portato gli eccellenti rifacimenti di Shadow of the Colossus e Demon’s Souls. Sony starebbe solo aspettando il momento buono per annunciarli, rallentata forse anche da uno stato dei lavori impattato negativamente dalla pandemia di COVID-19.

Fonte: Resetera