‘Never Gonna Give You Up’ di Rick Astley a quota un miliardo di visualizzazioni su YouTube!

Never Gonna Give You Up Rick Astley Rickroll 1 miliardo di visualizzazioni Youtube

Never Gonna Give You Up ha raggiunto il miliardo di visualizzazioni su Youtube! Si tratta di un risultato pazzesco per una canzone che pur risalendo all’ormai lontano luglio 1987, è stata approdata ufficialmente su Youtube solo nel 2009. Dopo 11 anni, dunque, la canzone ha raggiunto le 10 cifre, per la precisione oltre 1.002.800.000 visualizzazioni al momento della stesura dell’articolo, con inoltre ben 10 milioni di like contro solo 300.000 dislike.

Ma come ha fatto a raggiungere questo traguardo incredibile? Oltre all’indiscussa musicalità della canzone, a contribuire fortemente è stato il dei meme e la famosa “Rickroll. Questa ondata, iniziata ormai diversi anni fa, non accenna a placarsi e giorno dopo giorno, diversi ignari utenti del web si imbattono in qualche annuncio importante che, però, si rivela essere appunto una ‘Rickrollata‘.

Pensate che persino lo stesso Rick Astley è stato vittima della sua stessa creatura, venendo ‘rickrollato‘ su Reddit da parte di un utente. Rick Astley ha ovviamente ringraziato i fan per l’enorme risultato raggiunto, affermando “1 MILIARDO di visualizzazioni per Never Gonna Give You Up! Meraviglioso, pazzesco, strepitoso! Rick“.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

Beh che dire, un risultato strepitoso, non trovate? Un risultato meritato, aggiungeremmo. Parliamo di quella che è considerata da molti come una delle migliori canzoni degli anni 80. Uscita nel luglio 1987 ha da poche ore compiuto 34 anni. La canzone conquistò il intero e vinse il premio come Miglior Singolo Britannico nel 1988.

Inoltre, se esistesse un inno del web, questo sarebbe proprio Never Gonna Give You Up. Certo, ci sono anche altre colonne sonore famose come l’italianissima Deja Vu (Initial D), Roundabout (grazie a JoJo) o la russa “Trololol“, per i più navigati, ma nessuna ha avuto l’influenza della hit di Rick Astley.

Fonte: Youtube