Philips a tutela della privacy, ecco i monitor con “webcam a sparizione”

Per chiunque non lo sapesse, durante una recente conferenza, il direttore dell’FBI James Comey ha fatto alcune raccomandazioni su come proteggere la propria privacy.

Oscurare la webcam del computer, a quanto pare, è una di quelle.

Le webcam che rimangono esposte possono costituire un facile accesso per gli hacker. Basti pensare che persino il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, copre la propria webcam con del nastro adesivo.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

In realtà, caro Zuckerberg, ci sono soluzioni molto più eleganti del nastro adesivo, almeno per quanto riguarda i monitor per PC. L’ultima generazione di monitor Philips, pensati per il business, presenta una gamma di monitor da 27”, 24” e 22” con una webcam integrata che appare solo quando serve e poi scompare semplicemente con un touch.

Se si ha la necessità di usare la webcam durante una conferenza online, per esempio, la si può semplicemente far comparire e, allo stesso modo, chiudere se non serve più.

Come gli altri modelli Philips pensati per i professionisti, questi nuovi monitor hanno una serie di altre caratteristiche distintive studiate per migliorare la produttività. Tutti i modelli disponibili hanno dimensioni abbastanza compatte da adattarsi a ogni scrivania.

Lo spazio di visualizzazione è massimizzato dalla sottilissima cornice – che permette anche una esperienza immersiva quando vengono affiancati più monitor. La qualità dell’immagine è eccellente, con la massima definizione offerta dalle interfacce ad alta disponibilità di banda supportate dai display, quali DisplayPort e HDMI.

I monitor supportano anche il “Daisy Chaining”, ovvero la possibilità di collegare in serie apparecchiature diverse usando una singola connessione. Questa soluzione di cablaggio, tramite un cavo DisplayPort tra ciascun gruppo di monitor, offre una configurazione di sistema meno ingombrante e aumenta sia la produttività che la capacità di svolgere numerose operazioni contemporaneamente.

Il monitor dispone anche di sensori innovativi per mantenere il consumo di energia più basso possibile. Il PowerSensor, ad esempio, riesce a percepire se è presente qualcuno alla scrivania e riduce automaticamente la luminosità dello schermo se l’utente lascia la sua postazione.

Il Philips 272B7QPTKEB è disponibile al prezzo di 599 euro. I modelli 241B7QPJKEB e 221B7QPJKEB, invece, saranno disponibili rispettivamente negli ultimi mesi del 2016 e nel primo trimestre del 2017.

philips-monitor