PlayStation: Sony risponde a Xbox Game Pass? Bloomberg lancia lo scoop!

PlayStation 5 Pro Sony mid-gen

Lo scoop di Bloomberg scuote l’industria videoludica e prevede il nuovo servizio di Sony che potrebbe puntare al tanto amato modello Game Pass, fornendo finalmente una valida alternativa al tanto amato servizio di Microsoft. Si tratta di “Spartacus”, un servizio che, stando a Bloomberg, punterebbe a fondere il PS Now e il PS Plus in un unico abbonamento!

Insomma, basandosi su questo leak, Sony potrebbe ritornare sui propri passi e rimangiarsi le parole che davano come “insostenibile” il modello che sta seguendo Microsoft. Non è ancora chiaro cosa ci si possa aspettare di preciso da questo nuovo servizio, ma sembrerebbe che quest’ultimo si integri nel Plus.

Il servizio plus potrebbe quindi copiare con la carta carbone il modello , integrando in esso l’online, i giochi mensili ed un pacchetto di giochi sempre accessibili dall’utente come il PS Now.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Secondo Jason Schreier questo nuovo servizio, denominato “Spartacus”, potrebbe offrire ben tre livelli di servizio che fonderanno il Now e il Plus. Ancora, il livello d’abbonamento più importante potrebbe contenere giochi PS1/PS2 e PSP. Gli utenti potrebbero aspettarsi il primo rilascio di Spartacus già a primavera del prossimo anno.

Secondo l’articolo di Bloomberg Sony vorrebbe recuperare lo stacco che Microsoft ha recuperato in questi ultimi anni, offrendo un servizio parallelo competitivo che possa offrire giochi di tutta la storia PlayStation, comprendendo anche quelli next gen.
Poche le speranze invece di avere al day i grandi titoli tripla A come succede su Gamepass, rimane però la fiducia che se Spartacus dovesse rivelarsi un successo, ciò possa accadere nei successivi anni.

Questo scoop conferma nuovamente che questa nuova generazione di console si stia combattendo su ogni fronte, con giochi, esclusive e servizi sempre più a favore di un pubblico che non può che gioire di questa favorevolissima situazione.

Fonte: Bloomberg