Skull and Bones: il gioco piratesco di Ubisoft rinviato al 2022, o addirittura 2023!

Skull and Bones

Ubisoft ha confermato che Skull and Bones, un intrigante gioco a tema piratesco dove le battaglie navali la faranno da padrone, sarà rinviato al 2022, con possibilità di vederlo addirittura nel 2023. Ciò è quanto emerge dal recente resoconto finanziario di Ubisoft, confermando dunque quello che ormai è l’ennesimo rinvio di questo gioco che grida Assassin’s Creed da ogni pixel.

Banner Telegram Gametimers 2

“Skull & Bones sarà pubblicato nel 2022-23”, scrive Ubisoft sul proprio report. Si tratta del quarto rinvio, dal momento che il gioco era inizialmente atteso per il 2019. Il titolo è stato poi rinviato prima al 2020, poi al 2021 e infine al 2022, che sembra però essere l’anno definitivo.

Yves Guillemot, CEO di Ubisoft, ha infatti confermato di aver coinvolto diversi studios interni al rafforzare Ubisoft Singapore, il team che si sta occupando dello sviluppo di Skull and Bones. Proprio per questo, il CFO Frederik Duguet, insieme allo stesso Guillemot, si sente ottimista riguardo questa nuova finestra di lancio.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

Durante la conferenza, Duguet ha infatti dichiarato: “La produzione, capitanata da Ubisoft Singapore, è proceduta bene negli ultimi 12 mesi, e le premesse sono migliori che mai. Il tempo aggiuntivo permetterà al team di confezionare la loro visione di questo titolo”; visione che ricordiamo era già stata accennata nel 2020.

Insomma, il colosso francese sembra tutto tranne che intenzionato a lasciar morire il progetto, e menomale aggiungeremmo. Dopotutto, si percepisce non poco la mancanza di un titolo piratesco Tripla A di alto livello, cosa che abbiamo avuto con AC: Black Flag.

Quest’ultimo, purtroppo, è passato in sordina poiché secondo molti non era un ‘vero’ Assassin’s Creed, qualsiasi cosa questa affermazione voglia dire; di conseguenza, è stato meno apprezzato del dovuto. In ogni caso, cosa ne pensate di Skull and Bones? Lo attendete? Ditecelo nei commenti, come sempre.

Fonte: Kotaku