Warcraft: Duncan Jones rivela cosa potrebbe accadere nel sequel

warcraft

Il regista Duncan Jones torna a parlare del suo interesse nel voler lavorare al sequel di Warcraft, film dedicato al mondo realizzato da con la sua saga videoludica. Tuttavia, Jones ha subito chiarito quali sarebbero le sue insindacabili condizioni per tornare al timone.

Meno cuochi in cucina” e un budget più ristretto. Sono queste le richieste di Jones che mettono in evidenza dei possibili problemi riscontrati durante la produzione del primo Warcraft. Una maggiore autonomia decisionale e un “tesoretto” ridotto potrebbero in effetti essere la giusta ricetta per permettere alla pellicola di tornare in auge dopo il poco successo riscontrato nei confronti della critica nazionale e internazionale, decisamente fredda nei suoi giudizi.

Nel qual caso gli dovessero riportare il regista alla guida del possibile sequel, i fatti narrati sarebbero questa volta incentrati sull’imprigionamento di Go’el (vero nome dell’orco Thrall, per chi non lo sapesse) e il suo tentativo di fuga dalla prigionia impostagli dagli umani. Tra le ambientazioni di spicco troverebbero invece posto la magica città di Dalaran e le montagne Alterac, luogo dove i potenti membri del Kirin Tor decisero di risiedere temporaneamente.

Inoltre, sembra scontata per il regista la presenza dei personaggi di Lothar, Khadgar e un giovane Varian. Per il momento, però, dobbiamo accontentarci di semplici desideri in quanto l’arrivo di un sequel per Warcraft è tutt’altro che scontato.

Ecco i messaggi di Duncan Jones divulgati via Twitter.

Fonte: GameSpot