Xbox Series X: Xbox Velocity Architecture porterà il gaming su un altro livello!

Xbox Series X
Banner Telegram Gametimers 2

Istallazioni lunghissime, caricamenti dei giochi interminabili, pop-up degli elementi di scenario, saranno solamente il passato! Con l’arrivo di Xbox Series X con Xbox Velocity Architecture il gaming farà un grande balzo in avanti verso il futuro.

Al cuore di questa architettura ci sono gli SSD, ma non si tratta di drive comuni. Microsoft ha sviluppato un drive personalizzato ed espandibile, affiancato da alcune soluzioni software.

Andiamo quindi ad analizzare nel dettaglio cos’è l’Xbox Velocity Architecture e tutte le sue potenzialità. Il lavoro svolto permette di avere una capacità di trasferimento dati su Xbox Series X che è 40 volte più veloce di Xbox One.

SSD custom

Il drive di memoria della nuova console di Microsoft è un SSD Custom da 1TB che sarà espandibile con speciali schede di memoria. La velocità di trasferimento dati grezzi è di 2,4GB/s, che nel caso di dati compressi può quasi raddoppiare (una volta che questi siano stati decompressi).

A differenza di alcuni SSD per PC, la velocità di trasferimento dati sarà costante e non suscettibile a variazioni dovute a surriscaldamento o altre funzionalità. La stessa velocità di trasferimento dati sarà garantita anche per i drive di espansione prodotti da Seagate.

Decompressione hardware

Come vi abbiamo detto l’SSD di Xbox Series X è in grado di trasferire 2,4GB/s di dati grezzi. Ma nel caso si ha a che fare con dati compressi questa velocità può salire fino a 4,58GB/s, di dati effettivi una volta che questi siano stati decompressi. La console infatti supporterà la decompressione hardware basata sia sull’algoritmo open source LZ, che sull’algoritmo proprietario BCPack.

Ciò consentirà di ridurre le dimensioni dei file dei giochi, e di conseguenza anche i tempi di download e installazione.

Nuove librerie DirectStorage

Le API DirectStorage sono rimaste sostanzialmente le stesse negli ultimi 30 anni. Ma analizzando i dati dei giochi ci si rende conto che l’accesso e la richiesta di determinati dati avviene molto più frequentemente di altri.

Per questo motivo Microsoft ha deciso di ottimizzare le librerie software dedicate all’accesso ai dati, creando nuove API DirectStorage e inserendole all’interno di DirectX.

Sampler Feedback Streaming (SFS)

Si tratta dell’ultima innovazione che introdotta con Xbox Velocity Architecture. Questa tecnologia riguarda in particolare l’accesso alle texture che devono essere sempre più dettagliate col crescere della risoluzione e la qualità dei giochi. In fase di sviluppo si utilizzano diversi livelli di texture, chiamati ‘mipmaps‘. Più l’oggetto da renderizzare è vicino all’osservatore, e maggiore è la risoluzione e il livello di dettaglio delle texture.

Analizzando i dati di accesso alle texture, Microsoft ha scoperto che solo un terzo dell’area delle texture caricate in memoria viene effettivamente utilizzata. Andando quindi a intasare la memoria video del sistema di dati inutilizzati.

Per questo motivo è stato sviluppato il sistema SFS che permette di caricare anche solo una parte della texture, quella effettivamente utilizzata. Andando di fatto a fungere da moltiplicatore della memoria video a disposizione della GPU, incrementando l’efficienza di 2,5 volte.


Il prossimo appuntamento con Xbox Series X è per giovedì 23 luglio. In questa occasione Microsoft ci mostrerà finalmente i titoli first party che stanno sviluppando gli Xbox Game Studios. Tra questi spiccherà sicuramente la campagna single player di Halo Infinite. Restate collegati con noi per scoprire tutte le novità del mondo Xbox.

Fonte: Xbox

Rispondi