Avatar Frontiers of Pandora: Ray Tracing, vegetazione variegata e fotorealismo assoluto, grazie allo Snowdrop Engine

Avatar Frontiers of Pandora Ubisoft 3

Avatar Frontiers of Pandora è stato svelato al mondo solamente due settimane fa, durante l’E3 2021 di Ubisoft, e promette grosse sorprese per quel che concerne il comparto grafico. Ubisoft sembra voler infatti tenere fede al nome di Avatar, che stupì gli spettatori con una CGI ancora oggi impressionante. Proprio per questo, il team ha stravolto totalmente il motore grafico Snowdrop Engine, come ha spiegato durante un video sul gioco.

Ubisoft si è infatti impegnata per rendere lo Snowdrop Engine adatto alle ambientazioni di Pandora, e non è stato affatto facile. Questo motore grafico è stato infatti pensato per dare il meglio di se in contesti urbani, come abbiamo potuto vedere con la serie The Division.

Proprio per tale motivo, il team ha dovuto lavorare pesantemente su questo motore per renderlo consono alle ambientazioni di Pandora, caratterizzata da una vegetazione lussureggiante e ricca di colori. Il risultato, promette Ubisoft, toglierà il fiato e renderà sul pianeta Pandora decisamente coinvolgente.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

Lo Snowdrop Engine può infatti renderizzare migliaia di asset diversi in un singolo frame, permettendo loro di rendere le ambientazioni di Pandora dettagliatissime fino ai dettagli più microscopici. Per rendere il tutto più credibile, sono state create diverse varietà di piante, alberi e fiori, i quali sono poi piazzati automaticamente.

Queste piante saranno influenzate da una simulazione del vento in tempo reale, ed alcune avranno anche una loro intelligenza! Ciò significa che ci troveremo di fronte a un titolo stracolmo di dettagli, persino per gli standard Ubisoft. I lavori sono stati fatti anche sull’illuminazione, che ora sfrutterà il Ray Tracing per riflessi e illuminazione globale.

Il Ray Tracing darà il meglio sul pianeta di Pandora, grazie alle numerose piante bioluminescenti. Ciò, ad onor del vero, lo possiamo vedere già dal trailer. Tale cura non è stata riposta solo a terra, ma anche in cielo. Come sappiamo, in Avatar Frontiers of Pandora potremo usare cavalcature per volare.

Per rendere il mondo di gioco più credibile, Ubisoft ha lavorato su un sistema di nuvole volumetriche decisamente realistico. Questo dettaglio non è propriamente next-gen, dal momento che diversi giochi lo hanno, ma rimane comunque un’implementazione tecnica ben gradita.

Comunque sia, Avatar: Frontiers of Pandora promette di essere un titolo all’avanguardia sull’aspetto tecnico. Ci aspettiamo che lo stesso possa accadere anche su quello ludico, visto che il brand non è stato proprio fortunato in questo medium. E voi, cosa ne pensate? Lo attendete? Ditecelo nei commenti, come sempre.

Avatar: Frontiers of Pandora è atteso per il 2022 su PC, PlayStation 5, Xbox Series S e Xbox Series X. Nel frattempo, ricordiamo che la presentazione del gioco ha colpito particolarmente Disney. Proprio per questo, la casa di Topolino affiderà il futuro della serie Star Wars a Ubisoft!

Fonte: PlayStation