Hideo Kojima: dopo le fake-news le scuse non bastano. Kojima Productions minaccia azioni legali

kojima-productions-hideo-kojima-yoji-shinkawa

L’omicidio di Shinzo Abe, ex premier giapponese, ha sconvolto la nazione nipponica. Subito arrestato il responsabile, Tetsuya Yamagami. L’uomo, 41 anni, è un ex militare fermato nei concitati momenti successivi all’accaduto. Sebbene la stragrande maggioranza degli organi d’informazione abbiano riportato correttamente la notizia, ci sono stati almeno due casi anomali. Una emittente televisiva greca e un politico francese hanno spacciato delle foto di Hideo Kojima come scatti di Yamagami.

Immediata la reazione degli utenti sui social che hanno immediatamente riconosciuto il presidente di Kojima Productions. Il backlash mediatico ha portato ad una immediata cancellazione dei post incriminati e alle successive e tardive – e a mio avviso, inutili – scuse da parte delle parti coinvolte. In particolare, Damien Rieu è stato l’unico a ‘scusarsi’ mentre Ant1 News non si è espressa. Le scuse di Rieu, inoltre, sono arrivate solo dopo un articolo del quotidiano Liberation.

“Ho ingenuamente scambiato una battuta per informazione. Non credevo qualcuno potesse scherzare sull’assassinio di un uomo ma ho sbagliato a non controllare prima di condividere. Le mie scuse a Hideo Kojima e ai fan di Metal Gear” scrive Rieu. Le scuse, oltre come dicevamo a essere tardive, arrivano solo dopo che il quotidiano ha puntualizzato la figuraccia.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

Inoltre, il post originale, che è stato immortalato e riportato su Reddit, ha una chiara componente propagandistica con la quale Rieu sembrava interessato a denigrare gli appartenenti ad uno schieramento opposto al suo. I toni polemici e sarcastici del suo post iniziale cozzano con la parte iniziale di questo nuovo messaggio.

Troppo poco per Kojima Productions. L’azienda fondata da Hideo Kojima nel 2015 ha deciso di rispondere a questi palesi casi di disinformazione annunciando che si sarebbe tutelata in sede legale. “Kojima Productions condanna con forza le fake news e rumor coi quali si stanno diffondendo false informazioni. Non tollereremo questa diffamazione e considereremo di tutelarci in sede legale scrive il profilo dell’azienda.

A noi della redazione è tornato in mente Solid 2: Sons of Liberty. Il titolo, lo ricorderete, conteneva un meraviglioso messaggio che metteva in guardia sui rischi della diffusione proprio di false informazioni. Ironico – in un certo senso – che il rischio denunciato da Hideo Kojima col suo gioco colpisse proprio lui.

Fonte: Damien RieuKojima ProductionsAnt1 News