Sony supera Nintendo, torna a essere la società più ricca in Giappone

Sony-batte-Nintendo
Banner Telegram Gametimers 2

Sono lontani i tempi in cui Sony e Nintendo non erano competitor ma collaboravano ad un progetto, mai ultimato, che avrebbe in seguito portato alla nascita di PlayStation. Superato quel momento, le due aziende sono sempre state pronte a ‘darsi battaglia’ nel campo videoludico.

Una sfida che si è consumata a suon di console vendute, nell’ovvio tentativo di accaparrarsi quante più fette di mercato possibili. A spuntarla, quest’anno, è stata Sony che, grazie alle vendite di PlayStation 4 e di giochi, si è piazza prima nella classifica stilata da Toyo Keizai.

Il sito nipponico specializzato in materie economiche, ha stilato una lista di 500 aziende che, grazie ai loro incassi, possono vantare il titolo di imprese più ricche di tutto il Giappone. Secondo il sito si tratta anche di quelle aziende che riusciranno a uscire più agevolmente dall’emergenza sanitaria. In cima alla classifica che dal 2017 vedeva torreggiare Nintendo c’è ora Sony.

Diverse voci hanno imputato il raggiungimento del traguardo anche alla pandemia. La produzione e la distribuzione di Nintendo Switch è stata rallentata (qualcuno di voi ricorderà il caso Ring-Fit Adventure). Questo ha influito sulla corsa al primo posto favorendo l’azienda che, fino a pochi mesi fa si godeva la medaglia d’argento. Non è chiaro se il fatto possa essere imputato esclusivamente a questo avvenimento. Non c’è indubbio però che una certa influenza l’abbia di sicuro avuta.

Purtroppo, a quanto pare, a nulla sono serviti gli strabilianti risultati conseguiti da Nintendo appena due mesi fa. Nei primi giorni di maggio, infatti, la ‘Grande N’ faceva registrare incassi per oltre 3 miliardi di Dollari. Le Nintendo Switch piazzate sul mercato erano circa 55 milioni. Appena la metà di PlayStation 4 attualmente in circolazione.

Adesso a Nintendo resta l’arduo compito di recuperare il terreno perduto. Pensate che riusciranno a farcela, oppure il distacco è destinato ad aumentare?

Fonte: Toyo Keizai

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here