The Witcher: la seconda stagione arriverà verso la fine del 2021, lo conferma Netflix

netflix-superiore-disney-plus-200-milioni-abbonamenti

La trasposizione live-action realizzata da per The Witcher è riuscita a riscuotere un discreto successo. La prima stagione della serie, infatti, ha lasciato i fan con la voglia di scoprire ancor di più il creato da Andrzej Sapkowski. Fino a poco tempo fa, i dubbi sull’uscita della seconda stagione erano tanti. La produzione, infatti, ha riscontrato qualche problema nel corso delle riprese. Tra queste abbiamo la pandemia da coronavirus e l’infortunio di Henry Cavill alla gamba.

Banner Telegram Gametimers 2

Nonostante ciò, la stilista personale di Cavill, Jacqueline Rathore, aveva anticipato la conclusione delle riprese per la seconda stagione della serie, il tutto tramite delle storie su Instagram. ha poi ufficializzato la cosa, rilasciando anche un video con il dietro le quinte e confermandone l’arrivo per il 2021. Una data, tuttavia, che era rimasta generica. Ora, invece, grazie al co-CEO di e responsabile dei contenuti, Ted Sarandos, abbiamo una finestra di lancio.

Sarandos, durante un video con gli investitori per i guadagni del primo trimestre, ha dichiarato che Geralt & Co. torneranno sulla piattaforma di nel quarto trimestre del 2021. Questo sta a significare che la serie arriverà in un periodo compreso tra ottobre e la fine dell’anno. Manca ancora una data precisa, ma i fan della saga possono tirare un respiro di sollievo.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech

Sarandos ha, inoltre, confermato l’arrivo anche di altre serie. Tra queste figurano la terza stagione di You, e la quarta stagione di Cobra Kai. Per quanto riguarda, invece, la trama di The Witcher Stagione 2, sappiamo che vedremo tantissimi nuovi mostri, seppur non ancora svelati. E secondo alcuni scatti rubati dal set, è molto probabile che vedremo l’arrivo della Caccia Selvaggia. Inoltre, vi ricordiamo che Cassie Claire ricoprirà i panni di Philippa Eilhart, un personaggio che ha ricoperto un ruolo di vitale importanza sia nei libri, che nei videogiochi.

Fonte: Screenrant