Unreal Engine 5: un 3D artist italiano ha ricreato la stazione di Toyama. È fotorealismo puro!

Lorenzo Drago artista 3D ricrea stazione di Toyama in Giappone usando Unreal Engine 5 Lumen e Quixel Megascans

Unreal Engine 5 è un motore grafico portentoso, e nelle mani giuste sa rivelarsi uno strumento fenomenale per la creazione di scenari in 3D. L’ultima creazione di Lorenzo Drago, artista specializzato nella creazione di ambienti 3D, ne è la prova lampante. Drago ha infatti ricreato la stazione di Toyama, in Giappone, per poi renderizzarla in Unreal Engine 5. Il risultato è semplicemente impressionante, e tocca vette di fotorealismo notevoli.

Per ricreare ciò, ha fatto uso di Quixel Megascans per ricreare la vegetazione. Per quanto riguarda illuminazione, modellazione, texture e animazioni, invece, è tutto frutto del dello sviluppatore, il quale è stato capace di ricreare uno scenario che risulta essere la copia carbone della reale stazione di Toyama.

Il tutto è poi stato renderizzato su Unreal Engine 5, sfruttando la tecnologia Lumen per una illuminazione. ha deciso però di non optare per Nanite, approcciandosi dunque a una modellazione più standard e senza importare modelli con un numero di poligoni elevatissimi, come invece fece uno sviluppatore col suo cane. Non che ce ne sia stato il bisogno, visto il risultato.

Banner-canale-Telegram-Gametime-Offerte-Tech-drop-Ps5-Xbox-RTX

“Per questo progetto, ho voluto avvicinarmi il più possibile al fotorealismo. Ho usato Camera Matching per ottenere proporzioni accurate e ho fatto un uso attento dei riferimenti”, spiega sul proprio profilo ArtStation dedicato al progetto, promettendo poi un breakdown dove verrà spiegato tutto in maniera approfondita.

L’artista ha poi spiegato che le texture sono state create da lui tramite Painter, questo escludendo tutte quelle texture create invece con le fotografie. Il filmato è stato invece ricreato con un tracking , così da emulare il più possibile la ripresa di una videocamera. Il risultato, beh, parla da solo. Vi invitiamo inoltre a esplorare le altre sue creazioni, non ve ne pentirete.

Fonte: ArtStation